ROMA 9 Febbraio: Manifestazione unitaria di forte dissenso alla Manovra economica!

Categorie: , , , , , , , , , , , , , , , | 09-01-2019

Rimasti inascoltati  i ripetuti appelli unitari di Cgil-CISL-Uil per l’apertura di un tavolo di confronto con le parti sociali sulle  misure e gli interventi di politica economica e continuando il Governo a mostrarsi sordo alle proposte avanzate della piattaforma unitaria, come già annunciato il 26 novembre 2018, ai lusinghieri e discutibili proclami del Governo Conte le Organizzazioni Sindacali confederali e compatte rispondono con il proprio forte dissenso che confluirà nella grande manifestazione del prossimo 9 febbraio a ROMA.

Come già abbiamo più volte denunciato e ribadito la Legge di Bilancio 2019, appena approvata, lascia irrisolte molte questioni fondamentali per lo sviluppo del Paese, a partire dai temi del lavoro, delle pensioni, del fisco, degli investimenti per le infrastrutture, delle politiche per i giovani, per le donne e per il Mezzogiorno.

Temi sui quali Cgil, Cisl e Uil hanno avanzato e condiviso con i lavoratori, i pensionati e le persone che rappresentano, indicazioni e proposte credibili e realizzabili che non hanno trovato alcun riscontro concreto nella legge di Bilancio 2019.

Alla piena mobilitazione già in atto segue con forza e coerenza oggi la proclamazione della grande manifestazione nazionale unitaria del prossimo 9 febbraio, a cui per l’importanza delle questioni da affrontare e chiarire anche i lavoratori della Scuola sono chiamati a partecipare numerosi a tutela delle proprie istanze e rivendicazioni sugli investimenti per l’istruzione, maggiori risorse per la stagione appena aperta per il rinnovo rinnovo del   CCNL, l’uscita flessibile e sostenibile alla pensione e sulle necessarie nuove assunzioni a garanzia del ricambio generazionale e con un reclutamento efficace, equo e non contraddittorio.