Anticipato al 6 marzo lo SCIOPERO: stabilità e dignità del lavoro della Scuola!

Categorie: , , , , , , , , , , , , | 15-02-2020

Permanendo inascoltate le richieste e rivendicazioni unitarie ben rappresentate nei contenuti durante la conferenza stampa e tese a riaprire il tavolo di confronto con il Ministero sulle questioni apere con particolare urgenza rispetto alle prossime procedure concorsuali, le Organizzazioni CISL SCUOLA -Flc Cgil -Uil Scuola-Snals – Gilda con il comunicato che riportiamo in allegato hanno provveduto proclamare lo Sciopero anticipandolo al prossimo 6 marzo.

Facendo seguito a quanto già ventilato le OO.SS. hanno lanciato un segnale forte e urgente, di fronte al discutibile e sbagliato atteggiamento di chiusura assunto dal Ministro Azzolina che si appresta a compiere scelte in netto contrasto con gli obiettivi condivisi e definiti nell’ambito delle trattative tra Amministrazione e Sindacati inerenti le nuove procedure di reclutamento del personale scolastico.

Tra le ragioni della protesta evidenziamo:

-le modalità con cui si stanno definendo le procedure concorsuali straordinarie, divergenti rispetto all’obiettivo di agevolare la stabilizzazione dei precari con almeno 36 mesi di servizio;

-la questione irrisolta dei facenti funzione DSGA;

-il mancato avvio del confronto sui percorsi strutturali di abilitazione che devono riguardare, oltre ai precari, anche i docenti di ruolo della Scuola statale e i docenti non abilitati delle scuole paritarie e dei centri di formazione professionale;

-mancato rispetto degli importanti impegni assunti per la definizione a partire dall’ormai prossimo documento di programmazione finanziaria delle adeguate risorse per il rinnovo del CCNL;

-la mancata convocazione del negoziato per le necessarie integrazioni al contratto sulla Mobilità del personale;

-la totale assenza di relazioni sindacali volte ad affrontare e risolvere il perdurante aggravio delle incombenze per le segreterie scolastiche.

Motivazioni forti pienamente sostenute anche dalla CISL con l’intervento della Segretaria Generale CISL Annamaria Furlan che nel proprio intervento odierno evidenzia  che “Il personale della scuola merita molto piu’ rispetto e considerazione dal Governo e dalla classe politica. Va riconosciuto il ruolo di questa categoria cosi’ importante e fondamentale per la formazione delle nuove generazioni ed il futuro del Paese. Servono stipendi adeguati, piu’ assunzioni, un rinnovo innovativo del contratto, il riconoscimento della carriera di tanti precari nei concorsi pubblici, un nuovo sistema di abilitazioni strutturali. Dovrebbero essere diritti riconosciuti dallo Stato per chi finora ha solo doveri da rispettare.”

Ragioni quelle dello sciopero che come CISL SCUOLA Verona sosterremo con forza anche nelle assemblee che promuoveremo unitamente alle altre sigle in Verona e provincia.

Quello del 6 marzo 2020 é solo il primo passo delle iniziative che saranno messe in campo durante lo stato di agitazione della Scuola, al quale invitiamo tutto il personale scolastico a partecipare numeroso con determinazione per riaffermare la stabilità e la dignità del lavoro.  

allegati:

Proclamazione unitaria SCIOPERO 6 marzo 2020

COMUNICATO provinciale Accordi vanno rispettati febbraio 2020