Autonomia Differenziata: inaccettabili le dichiarazioni del Ministro Affari Regionali!

Categorie: , , , , , , , | 15-05-2019

Alle dichiarazioni del Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Erika Stefani, apparse su La Repubblica é seguita oggi immediata la replica della Segretaria Nazionale CISL SCUOLA Maddalena Gissì,  che con il comunicato che riportiamo in allegato,ha seccamente liquidato come uno sproposito  il rispetto della democrazia e della Costituzione invocato a sproposito dall’esponente del Governo giallo-verde.

Non ci interessa entrare nelle polemiche fra i partner di governo, che stanno esplodendo a quanto pare anche in materia di autonomia alle regioni: ci interessa invece che sulla questione finalmente si discuta in modo aperto, essendo ormai chiaro a tutti che l’attribuzione di maggiori poteri non può essere considerata un fatto che riguarda soltanto le regioni che li richiedono, ma tocca inevitabilmente tutti. Vi sono aspetti di interesse generale sui quali è l’intero Paese a dover essere coinvolto”  ha ribadito Maddalena Gissi che ha proseguito evidenziando “Chi invoca il rispetto della democrazia avendo in mente i referendum svolti in singole Regioni si chieda se è possibile, e quanto sia democratico, mettere mano agli assetti di un sistema nazionale, come quello dell’istruzione, senza che la questione sia sottoposta a tutti i cittadini italiani, attraverso la loro rappresentanza in parlamento o direttamente.” e aggiungendo a conclusione “Non si può invocare ‘a spizzichi’ la Costituzione  richiamandone solo alcune parti e ignorandone altre: l’ambito di attuazione dell’articolo 116 non può essere esteso a proprio piacimento in modo incondizionato, trova precisi limiti in altre parti della Costituzione, che non possono essere ignorate”.

Continua quindi  la mobilitazione e il deciso contrasto al progetto di Autonomia differenziata sulla Scuola che come CISL e CISL SCUOLA Scuola unitamente alle altre sigle sindacali stiamo conducendo con la raccolta firme a sostegno dell ‘Appello nazionale #Restiamouniti!

allegato:

Comunicato stampa CISL SCUOLA su dichiarazioni Ministro Stefani