Diplomati-GAE: negative anche le nuove pronunce Consiglio di Stato

Categorie: , , , | 04-03-2019

Riportiamo, in allegato, le recenti pronunce del Consiglio di Stato in Adunanza Plenaria, che purtroppo confermano in modo pesante l’orientamento negativo della Giustizia Amministrativa sulla questione diplomati-GAE che, dopo aver fatto registrare pronunce contraddittorie sulla questione, ha assunto coerenza solo successivamente alla pronuncia della medesima Adunanza Plenaria n.11/2017.

In modo particolare le  due Sentenze, nel ribadire i contenuti della Sentenza n.11/2017,  evidenziano che:

-il DM 235/2014, primo provvedimento impugnato e i successivi decreti di aggiornamento hanno natura normativa e per tale motivo il loro annullamento non avrebbe efficacia erga omnes(per tutti anche non ricorrenti);

-il termine d’impugnativa dei decreti di aggiornamento da parte dei diplomati non decorre dall’annullamento del DM 235/2014, asserendo che l’azione di contrasto al provvedimento amministrativo doveva essere prodotta dai ricorrenti fin da subito impugnando l’atto che non consentiva inserimento e respingeva la medesima domanda;

– nonostante la previsione normativa (art. 4, comma 1 quinquies, lett.B) del DL 87/2018) intervenuta successivamente all’Adunanza plenaria con la sentenza n. 11/2017,  il diploma magistrale conseguito entro l’anno 2001-2012 non costituisce titolo sufficiente all’inserimento in GAE; 

Come CISL SCUOLA Verona nel prendere atto delle autorevoli sentenze del Consiglio di Stato, evidenziamo che ciascun ricorso amministrativo in essere seguirà il suo iter anche se i contenuti delle Adunanze Plenarie peseranno negativamente. Continueremo comunque a denunciare la pesantezza della situazione che per le scuole veronesi e venete registra la mancanza di un numero adeguato e sufficiente di maestre e maestri e rivendicando con forza anche durante il prossimo sit-in dei precari del 12 marzo prossimo la necessità di accelerare i Concorsi e le assunzioni in ruolo, tema su cui incalzeremo l’Ufficio Scolastico del Veneto che dovrà farsi carico di porre rimedio all’incresciosa situazione venutasi a creare.

allegati:

Consiglio di Stato_Sentenza n. 4-2019

Consiglio di Stato_Sentenza n. 5-2019