Il Ministro si dimette, ma abbandona la Scuola ai propri problemi!

Categorie: , , , , , , , , | 27-12-2019

E’ rimbalzata nei giorni natalizi la notizia delle avvenute dimissioni del Ministro dell’Istruzione Fioramonti, che coerentemente ai propri annunci ha lasciato i propri impegni al ministero a causa delle disattenzioni del Governo ai temi della Scuola e sopratutto a seguito delle insufficienti risorse destinate per la Scuola nella Legge di Bilancio 2020.

Pur ritenendo apprezzabile la coerenza del Ministro Fioramonti, tra le poche se non unica nell’ambito dell’attuale panorama politico italiano ,  esprimiamo  purtroppo forte preoccupazione per il vuoto sostanziale che lascia alla guida dei settori della conoscenza (Scuola,Università, Ricerca, Formazione e Alta Formazione), le questioni aperte che ancora si trascinano e le prospettive a breve medio temine sopratutto sotto il profilo contrattuale.

E’ ancora in discussione infatti la stessa tenuta delle attuali retribuzioni, problema che più da vicino riguarda le face più contrattualmente più deboli dove é ricompreso un numero ampio e crescente di personale precario, che necessita di certezze a partire dal presente lavorativo e non solo per i concorsi dell’immediato futuro.

Impegni e priorità rivendicative che non possono essere disattese da ulteriori “dimissioni” del futuro Ministro, e che sono ribadite anche nella recente intesa firmata con la procedura conciliativa e alle quali, a partire dal tavolo di confronto nazionale del prossimo 7 gennaio,  dovranno vedere  fin da subito risposte concrete su cui come CISL SCUOLA  ci aspettiamo che il Governo con altrettanta coerenza si assuma fino in fondo tutte le proprie responsabilità.