La Manovra passa con la fiducia: forte contrarietà e grande mobilitazione CGIL,CISL e UIL!

Categorie: , , , , , , , , , , , , , | 24-12-2018

E’ stato approvata con il voto di fiducia al Senato la Legge di Bilancio 2019. Dopo l’enfasi degli annunci delle scorse settimane, le due principali misure quota 100 per le pensioni e reddito di cittadinanza escono dall’aula parlamentare molto ridimensionate nel finanziamenti economici alla loro concreta attivazione.

Come più volte evidenziato unitariamente da Cgil,CISL e Uil rimangono insoluti i nodi della crescita senza adeguati investimenti per infrastrutture, innovazione, rilancio occupazionale e alleggerimento della pressione fiscale su stipendi e pensioni.

Anzi in senso contrario a quanto sostenuto con le proprie dichiarazioni il Governo Conte, nel rispetto degli impegni assunti con l’Unione Europea per evitare l’avvio della procedura d’infrazione, introduce tra le righe della Manovra economica nuovi tagli per contenere la spesa dei Ministeri, mettendo in discussione le assunzioni a completa copertura del turn-over nel pubblico e nella Scuola per il prossimo anno.

Non si é fatta attendere la ferma reazione e contrarietà di Cgil, CISL e Uil alle misure di politica economica e all’azione del Governo “giallo-verde” che, come già annunciato nei giorni scorsi, hanno da subito dato avvio di una forte mobilitazione che confluirà in una grande manifestazione per ribadire le proposte e far sentire la voce di lavoratori, pensionati e giovani che anche il “Governo del cambiamento” come i precedenti, si dimostra incapace di ascoltare.

In allegato il comunicato sindacale unitario a fermo contrasto delle misure contenute nella Legge di Bilancio 2019.

allegati:

Comunicato unitario CGIL, CISL e UIL “Manovra sbagliata, recessiva e che mortifica il lavoro”