Legge di Bilancio 2019 approvata anche dalla Camera: rafforzata fin da subito la mobilitazione unitaria!

Categorie: , , , , , , , , , , , , , , , | 30-12-2018

Dopo il passaggio dei giorni scorsi in Senato, la Manovra economica é approdata alla Camera dove ha proseguito il proprio iter raggiungendo l’approvazione con l’ennesimo voto di fiducia.

A prescindere dai tratti  di “colore” in cui si é svolta la discussione parlamentare, che avrebbe richiesto reciprocamente da parte degli interlocutori un maggior senso di  responsabilità e decoro per le Istituzioni, considerati i delicati temi di intervento economico che incidono sul futuro del Paese e sul destino di milioni di italiani lavoratori, pensionati e disoccupati trasversalmente impoveriti dalla crisi, a preoccuparci maggiormente sono i contenuti delle misure della Legge di Bilancio da poco approvata e a breve pubblicata in Gazzetta ufficiale.

In attesa di poter valutare nel merito i contenuti delle misure che intervengono tagliando il potere d’acquisto delle pensioni e aumentando la pressione fiscale sui redditi da lavoro dipendente, rimane la già denunciata assenza di investimenti per la crescita, le infrastrutture, l’innovazione, l’Istruzione e la formazione del Paese. Una Manovra in deficit con un aumento della spesa pubblica a cui non seguono interventi rilancio economico e produttivo del Paese ma che rischiano invece per effetto dei tagli di aprire ad una spirale recessiva dei consumi.

Profondo mistero rimane per i due principali interventi “quota 100”  e “reddito di cittadinanza” che registrano un significativo ridimensionamento delle risorse a copertura della fase d’avvio nel 2019, ma di cui non si conoscono ancora i precisi contenuti rimandati a due distinti decreti che saranno presentati a gennaio. In un contesto aleatorio e lusinghiero dove milioni di persone  attendono comprensibilmente a vario titolo il concretizzarsi di una uscita più flessibile alla pensione o di uno strumento di sostegno al lavoro e al reddito, risulta inaccettabile l’incapacità dimostrata dall’attuale Governo di fornire certezze e garanzie alle persone nell’immediato e per il lori futuro in prospettiva, dai giovani  a quanti dalla “riforma Fornero” continuano a inseguire la pensione.

Un agire quello del Governo “giallo-verde”rispetto al quale come CISL unitamente a Cgil e Uil abbiamo espresso nostra forte contrarietà già nei giorni scorsi e che continueremo a manifestare a gran voce anche nelle prossime settimane per le persone che rappresentiamo, per i giovani,lavoratori e pensionati le cui istanze, contenute nelle nostre proposte , sono rimaste discutibilmente e largamente disattese.