Nuovo Fondo Mof: siglata l’Ipotesi di Accordo Nazionale!

Categorie: , , , , , , | 21-09-2019

Si é recentemente concluso  con la sigla dell’Accordo distributivo Nazionale, il confronto tra Organizzazioni sindacali e MIUR sulle risorse da destinare alle contrattazioni integrative d’Istituto per il corrente anno scolastico 2019-2020.

Le risorse complessivamente impegnate dall’Ipotesi di CCNI ammontano a 800.860.000 euro di cui 142.800.000 destinate al Bonus docenti introdotto dalla legge 107/2015, risultano essere complessivamente inferiori a quelle dell’anno precedente che in totale erano pari a  818.730.000 euro, per effetto dell’applicazione  della disposizione contrattuale che indirizza tale calo di risorse all’aumento della Retribuzione Professionale Docente(RPD) presente nello stipendio tabellare.

Di seguito in attesa delle comunicazioni che verranno effettuate nelle prossime settimane ed entro il 30 settembre ai singoli Istituti Scolastici, riportiamo un primo riepilogo delle risorse disponibili per la contrattazione, ripartite tra le diverse voci che compongono il nuovo Fondo per il Miglioramento dell’Offerta Formativa:

 

Fondo d’Istituto                                        519.180.000,00

FUNZIONI STRUMENTALI                  45.240.000,00

INCARCHI SPECIFICI                             29.620.000,00

ATTIVITA’ Pratica Sportiva                     17.150.000,00

ORE ECCEDENTI                                       30.000.000,00

Bonus Valorizzazione docenti                 142.800.000,00

Art 9 AREE A RISCHIO                           16.870.000,00

Totale                                                           808.860.000,00

Il testo dell’Ipotesi di CCNI per la distribuzione del Fondo MOF sottoscritta, conferma i consueti criteri di ripartizione delle risorse tra le diverse finalizzazioni previste dal CCNL e introduce un nuovo criterio per l’assegnazione della quota per le “Misure incentivanti per le aree a rischio, includendo finalmente la destinazione di tali risorse ai CPIA, rimasti  purtroppo esclusi nell’a.s. 2018-2019.

Il testo dell’Accordo Nazionale recepisce inoltre le richieste che come CISL SCUOLA avevamo avanzato nel corso della trattativa iniziata nello scorso mese di agosto, in particolare:

– viene riconosciuto l’accesso al bonus non solo ai docenti di ruolo ma anche al personale precario

– viene espressamente prevista la possibilità di riaprire la contrattazione di istituto per utilizzare anche nell’anno in corso eventuali somme non impiegate.

Il confronto a livello nazionale tra Miur e Organizzazioni Sindacali sulle risorse del Fondo M.O.F. é aggiornato e proseguirà il prossimo 2 ottobre, per la definizione della distribuzione delle economie degli anni 2015/2016, 2016/2017 e 2017/2018, che gli Istituti Scolastici attendono purtroppo ancora di ricevere.