“Quota 100” per la Scuola: NON subito e NON per tutti!

Categorie: , , , , , , | 04-12-2018

L’uscita anticipata alla pensione con “quota 100” di cui si discute nell’ambito della Manovra economica, il cui iter parlamentare si concluderà entro il prossimo 31 dicembre, sembra tradire le attese del personale scolastico.

Secondo le anticipazioni che stanno emergendo dagli organi di stampa l’intervento in ambito previdenziale dovrebbe riguardare una platea complessiva stimata di 41.000 docenti di cui solo il 50%, che matura i requisiti richiesti e in fase di perfezionamento pari a 62 anni età e 38 di contributi entro il 31 marzo 2019, potrà andarsene in  pensione con l’unica finestra del prossimo settembre 2019. Per il restante 50% che matura i requisiti necessari dopo il 31 marzo 2019 appuntamento rinviato a settembre 2020.

A questa misura si accompagnerà anche la proroga per il solo personale femminile della cosiddetta “opzione donna”  con l’accesso  anticipato ma penalizzato alla pensione, con 58 anni di età e 35 anni di contributi, che aumenterà un già importante turnover senza alcuna pianificazione garantita delle assunzioni sui posti che si andranno a liberare.

In queste settimane continueremo vigilare sull’iter parlamentare del propagandato superamento della Legge “Fornero”, affinché i lavoratori della Scuola non  si ritrovino addebitato il costo delle nuove misure pensionistiche e soprattutto perchè la meritata uscita dei colleghi in età pensionabile sia accompagnata da un piano di assunzione di tutti i posti vacanti e disponibili.

In queste settimane con attenzione ai nostri iscritti stiamo inoltre già monitorando le situazioni potenzialmente interessate a quota 100, perchè le persone possano quando le disposizioni saranno definite poter produrre domanda di pensione attraverso le strutture di patronato CISL presenti in provincia.