Docente sospesa a Palermo: violata la libertà d’insegnamento da sanzione ingiusta e inaccettabile!

Categorie: , , , , , , , , , , , , | 20-05-2019

Balzato alla ribalta delle recenti cronache il caso della docente  che é stata ingiustamente sanzionata dall’Ufficio Scolastico di Palermo, solo per aver svolto con efficacia la propria azione educativa e d’insegnamento con una classe seconda di un Istituto Tecnico.

La docente ha, secondo l’Ufficio territorialmente competente che su segnalazione del MIUR ha istruito e concluso apposito procedimento disciplinare,  omesso di vigilare i propri alunni nella misura in cui i ragazzi della propria classe al termine del percorso didattico di riflessione sui temi dei processi migratorie e dell’integrazione hanno accostato il Decreto Sicurezza del Ministro Salvini alla promulgazione delle Leggi razziali del 1938.

Riportiamo in allegato il comunicato odierno con cui CISL SCUOLA, dopo la prima denuncia e forte presa di posizione, unitamente alle altre sigle Sindacali del comparto annunciano manifestazioni #liberidinsegnare #liberidimparare come ferma protesta a sostegno della docente sospesa ingiustamente e in modo inaccettabile.

Come CISL Scuola Verona esprimiamo la nostra piena solidarietà alla docente che come larga parte del personale scolastico si impegna quotidianamente per l’educazione e il senso civico di bambini e ragazzi, nonostante un contesto assai difficile dove l’opinione faziosa e di parte corre pesantemente il rischio di prevaricare anche le Istituzioni.

Riteniamo altresì che questo costituisca un grande campanello dall’allarme che minaccia la libertà dell’insegnamento e condiziona con modalità d’altri per la funzione di sviluppo della partecipazione democratica e della libertà di pensiero ed espressione nel rispetto delle regole della collettività proprie della Scuola.

Un vero esempio che il Ministro dell’Interno Salvini ha voluto regalare al Governatore del Veneto Zaia, mostrando a tutto il Paese la concreta realizzazione della bozza dell’Autonomia Differenziata, dove la regionalizzazione del sistema scolastico non esclude l’indirizzo/ingerenza della politica sugli apprendimenti di bambini e ragazzi.

allegati:

Comunicato-unitario-20-05-2019 #liberidinsegnare #liberidimparare