Autonomia differenziata: processo pericoloso, ricco di incognite e scarsi vantaggi per la Scuola!

Categorie: , , , , , , , , , | 17-02-2019

L’attenzione del dibattito in questi giorni si é concentrata sul processo di autonomia differenziata chiesta da alcune regioni tra cui il Veneto.

Tra le materie che le regioni chiedono di poter gestire in autonomia anche l’istruzione in tutti i suoi aspetti didattici, organizzativi e gestionali con particolare riguardo al personale.

Non si é fatta attendere la forte perplessità manifestata dalla CISL SCUOLA  e volta a fermare un processo avviato in modo superficiale e frettoloso, senza una attenta riflessione sulle ricadute e soprattutto senza definizione dei livelli minimi delle prestazioni produce l’unico certo risultato di una pericolosa frammentare del valore universale dell’Istruzione garantito costituzionalmente, creando di fatto scuole di serie A e scuole di serie B.

Frammentazione che a caduta coinvolgerebbe anche le tutele contrattuali del personale docente e ATA, che non é detto possano trovare prospettive di miglioramento. Sotto tale aspetto infatti nulla di buono promettono le intenzioni dichiarate di alcune Regioni come il Veneto che a risorse invariate progetta di ottimizzare i servizi attraverso una razionalizzazione dei costi,ossia ulteriori tagli alla spesa e agli organici.

Appello quello della CISL SCUOLA a cui il Consiglio dei Ministri pare aver prestato in parte ascolto rallentando l’emanazione di provvedimenti che sembravano già cosa fatta e avviando un acceso confronto anche sotto il profilo politico.

Continueremo a seguire gli sviluppi del processo affermando sin d’ora la nostra contrarietà laddove tempi, modi e contenuti minaccino un diritto all’Istruzione di cui va garantita per lavoratori e utenti l’unicità che nella già consolidata autonomia scolastica é sino ad oggi stata garantita. Una questione che affronteremo sostenendo con forza le ragioni della nostra contrarietà contenute nell’appello unitario sulla Scuola che riportiamo in allegato, che invitiamo a leggere e a cui é possibile aderire semplicemente CLICCANDO QUI

allegati:

Appello-contro-autonomia-differenziata