CCNI Mobilità: confronto al via con l’obiettivo di superare gli ambiti territoriali!

Categorie: , , , , | 23-10-2018

Si è aperto oggi presso il Miur il tavolo di contrattazione integrativa nazionale sul Contratto di mobilità che regolerà i futuri movimenti di trasferimento e passaggio del personale docente, educativo e ATA.

Tra le novità oggetto che saranno oggetto di discussione quest’anno evidenziamo:

-il carattere triennale del CCNI, che avrà quindi valore fino all’anno scolastico 2021/2022;

-il vincolo di permanenza per 3 anni nella sede ottenuta al termine dei trasferimenti per il corrente anno scolastico 2019/2020, applicabile solo al personale docente che abbia volontariamente richiesto la sede di attuale titolarità su scuola e non su ambito.

Come Cisl Scuola nel corso dell’odierno incontro abbiamo sottolineato la necessità di rivedere la struttura del precedente CCNI, in vigore praticamente nell’ultimo biennio, alla luce delle evidenti criticità rilevate e riconducibili alla costituzione degli degli Ambiti territoriali imposti dalla Legge 107/2015 ”Buona Scuola”.

Ricordiamo infatti che proprio grazie alla Contrattazione nazionale si sono attenuate le pesanti ricadute della nuova configurazione normativa dando la possibilità di ottenere, anche se non previsto dalla Legge, una nuova titolarità su scuola anziché su ambito. E’ nostra intenzione pertanto dare continuità a questa linea d’azione anche per il futuro CCNI sulla Mobilità che, alla luce delle innovate relazioni sindacali frutto del CCNL, deve raggiungere l’obiettivo di superare tutti gli effetti negativi che si sono evidenziati da quando i trasferimenti e i passaggi si effettuano su ambito.

L’ obiettivo dichiarato di Cisl Scuola è quello, anche in considerazione degli annunciati interventi normativi di superamento della titolarità su ambito e la cancellazione degli incarichi triennali,  di anticipare tale esito già tramite la Contrattazione consentendo il ripristino delle regole collaudate ed efficaci presenti nei CCNI Mobilità precedenti all’anno 2015/2016.

Rispetto alla richiesta avanzata nel dettaglio da CISL Scuola e dalle altre OO.SS. di ripristinare i precedenti codici sintetici zonali e le corrispondenti le tre fasi della mobilità ( comunale, provinciale, interprovinciale ) con la possibilità di indicare nella domanda 15 preferenze tra codici di scuola puntuali e codici zonali sintetici, il Ministero in raccordo con il gestore dei sistemi si è impegnato a una rapida verifica di fattibilità.

Nel registrare positivamente gli esiti dell’odierno confronto, come CISL SCUOLA riteniamo possano esserci tutte le condizioni per una condivisione delle modifiche necessarie a restituire concrete tutele alla mobilità del personale Scolastico.