Informativa provinciale organici: chieste risorse adeguate per la Scuola veronese!

Categorie: , , , , , , , , , , | 17-05-2021

Si é tenuto oggi in modalità a distanza l’incontro d’ informativa sugli organici provinciali del personale docente e Ata per il prossimo anno 2021-2022, che nelle scorse settimane avevamo richiesto e sollecitato a livello territoriale.

Il nuovo Dirigente dell’Ufficio scolastico di Verona, Sebastian Amelio, ha aperto l’incontro odierno premettendo l’intenzione di costruire un percorso condiviso e improntato al confronto con le Organizzazioni Sindacali territoriali al fine di poter affrontare congiuntamente, pur nella diversità dei reciproci ruoli, le criticità inerenti l’offerta formativa e l’organizzazione della rete scolastica sul territorio Veronese; una premessa che registriamo positivamente e in quanto sulla stessa lunghezza d’onda nel tempo come CISL Scuola Verona  ci siamo spesi e continueremo a spenderci in un dialogo costruttivo con l’Amministrazione Scolastica territoriale volto a garantire le risorse umane adeguate a sostenere e realizzare concretamente l’offerta formativa degli Istituti scolastici veronesi in risposta ai fabbisogni educativi presenti sul territorio, rafforzandone l’efficacia nell’azione e la continuità didattica anche attraverso la necessaria stabilizzazione occupazionale del personale precario.

Nello specifico delle informazioni fornite al tavolo provinciale, a fronte di un  significativo calo degli alunni avvertito soprattutto nel settore primario, l’Ufficio Scolastico in generale ha operato con criteri di flessibilità numerica, ricercando contenere il più possibile l’impatto del decremento della popolazione scolastica sul numero complessivo delle classi/sezioni.

A seguire riportiamo alcuni dati significativi raccolti durante l’informativa odierna, sull’organico di diritto  provinciale per il prossimo anno scolastico 2021-2022:

-saranno attivati al livello provinciale 8600 posti di docenza tra cattedre e posti comuni, a cui si aggiungeranno 752 posti di potenziamento;

-i posti di sostegno complessivamente attivati saranno 1419, a cui si andranno ad aggiungere ulteriori 100 posti di potenziamento di sostegno;

-per la Scuola dell’INFANZIA saranno 356 le sezioni funzionanti, con una riduzione di 5 sezioni rispetto al corrente anno, sulle quali é stato però migliorato il rapporto medio docente-bambini;

-per la Scuola PRIMARIA saranno 2118 le classi funzionanti e 810 classi a tempo pieno su cui si registra un aumento di 12 classi, a fronte di una riduzione complessiva a livello provinciali di 14 classi rispetto al corrente anno;

-per la Scuola Secondaria di PRIMO grado nonostante una sensibile riduzione degli alunni a livello provinciale saranno funzionanti 1194 classi, rispetto alle attuali 1193;

-per la Scuola Secondaria di SECONDO grado saranno attivate complessivamente 1547 classi con un aumento complessivo di 4 classi rispetto al corrente anno e l’attenzione ad assicurare classi prime poco numerose con particolare secondo le indicazioni ministeriali riguardo ai percorsi liceali;

-per il personale ATA  105 saranno i posti di DSGA (incremento di 4 posti), invariati rispetto al corrente anno rimangono a livello provinciale i posti in organico di assistente amministrativo(complessivamente 650 posti) e assistente tecnico( 155 posti totali, a cui si aggiungono i 14 tecnici di informatica confermati nella condivisione in rete dagli Istituti comprensivi e per ambito territoriale), 1743 saranno i posti di collaboratore scolastico con una riduzione complessiva di 3 posti rispetto al corrente anno e 21 saranno i posti destinati ad altri profili( nel dettaglio 5 cuochi, 5 guardarobieri, 1 infermiere e 9 addetti azienda agraria).

Come CISL Scuola VERONA, pur riconoscendo il positivo lavoro dell’Ufficio scolastico territoriale, abbiamo espresso alcune perplessità e preoccupazioni circa la consistenza complessiva dell’organico che, per consolidate difficoltà strutturali che si trascinano e che ripetutamente abbiamo denunciato nel tempo, risulta numericamente non adeguata a garantire l’offerta formativa presente sul territorio anche in rapporto ad altre realtà territoriali regionali. Abbiamo pertanto ribadito con determinazione la richiesta di attenzione e considerazione alle situazioni di criticità, che caratterizzano la rete scolastica veronese, per porre in essere tutte le misure di recupero posti di personale docente e Ata in organico di fatto, necessarie a garantire un adeguato e sostenibile funzionamento del tempo scuola e degli istituti Scolastici veronesi.