Manovra economica: rivendichiamo più risorse per il personale della Scuola

Categorie: , , , , , , , , , , | 19-10-2019

Conferma di Quota 100 a tutto il 2020, riduzione del cuneo fiscale a carico dei lavoratori, superbonus per pagamenti elettronici, cancellazione del superticket in sanità, Istituzione di un Fondo per promuovere politiche di sostegno alla famiglia, anche tramite l’assegno di natalità e contributi per gli asili nido e sterilizzazione delle clausole di salvaguardia dell’Iva senza ritocchi o rimodulazioni delle aliquote.

Queste le principali misure della Legge di bilancio 2020 e del decreto fiscale recentemente approvati dal Consiglio dei Ministri, con la formula ”salvo intese” che lascia spazio a discussioni e confronto per modifiche durante l’iter parlamentare dei provvedimenti che dovrà tenere in considerazione eventuali osservazioni che dovessero pervenire entro il 30 novembre dalla Commissione europea al termine dell’esame dei documenti programmatici di bilancio italiani.

L’impegno complessivo di risorse ricompreso nella manovra è pari a 30 miliardi di euro, di cui 14 miliardi saranno utilizzati in deficit. A preoccupare non solo la situazione di interventi in mancanza di equilibrio finanziario ma soprattutto la completa assenza delle risorse necessarie per il rinnovo dei contratti pubblici con particolare riguardo alla Scuola, che in queste settimane da più parti è stata indicata come l’elemento imprescindibile per il riscatto e la futura crescita del Paese.

Peccato che come cattiva consuetudine alle parole non segua la coerenza e la concretezza delle azioni da parte del Governo di turno, che si misura anche dalla considerazione professionale e delle retribuzioni del personale scolastico che ad oggi risulta non pervenuta.

Come CISL SCUOLA unitamente alle altre organizzazioni sindacali riteniamo la mancata destinazione di adeguate risorse per il rinnovo del CCNL insostenibile e inaccettabile, considerato che le risorse ad oggi previste dal Governo restituirebbero aumenti medi pari a 80 € e quindi inferiori all’ultimo rinnovo, che rendono di fatto irraggiungibile l’obiettivo di avvicinamento delle retribuzioni del personale docente e Ata alla media di quelle europee.

allegati:

Comunicato unitario MANOVRA 2020 risorse  insufficienti per rinnovo CCNL