NO alle impronte digitali per il personale scolastico!

Categorie: , , , , , , , , | 03-04-2019

Rimangono INACCETTABILI le misure inserite nel decreto concretezza, in discussione parlamentare in questi giorni e che prevede il controllo delle presenze del personale scolastico mediante le impronte digitali.

Dopo le preoccupanti dichiarazioni del Ministro che in nome della sicurezza aveva discutibilmente motivato i nuovi interventi normativi, sul tema é intervenuta in data odierna Maddalena Gissi, Segretaria Generale CISL SCUOLA che ha riaffermato con forza la piena contrarietà ai nuovi sistemi di accertamento delle presenze del personale mediante la rilevazione delle impronte o l’ancor più “azzardata” scansione oculare.

Come CISL SCUOLA ,nel rappresentare la specificità del lavoro svolto nelle Istituzioni Scolastiche, abbiamo sempre e ripetutamente evidenziato l’impossibilità di adattare provvedimenti pensati per altri settori del pubblico impiego. Le nuove forme di accertamento delle presenze risultano inoltre prive di motivazione  considerato che il fenomeno dell’assenteismo e dei “furbetti del cartellino” a Scuola é di fatto inesistente, in quanto per il personale docente e ATA assentarsi dal lavoro senza permesso è praticamente impossibile.