Organici infanzia e primaria 2018-2019: calo di alunni, riduzione posti e mancanza di docenti

Categorie: , , , | 14-05-2018

Quello che emerge al termine della  recente informativa provinciale sui posti in organico per la scuola primaria e infanzia per il prossimo anno scolastico é un quadro preoccupante.

L’ufficio Scolastico di Verona dopo aver attestato un calo complessivo di alunni pari a oltre 800 alunni in meno rispetto al corrente anno scolastico ha evidenziato, con dati ancora non definitivi, come le riduzioni di popolazione scolastica si concentrino principalmente sulla scuola primaria e sulla scuola dell’infanzia con un calo rispettivamente di 541 alunni e 122 bambini. Sul dato del calo della popolazione scolastica incidono senz’altro variabili quali le difficoltà occupazionali delle famiglie con particolare riguardo a quelle di lavoratori stranieri, che nel recente passato compensavano numericamente al calo della natalità fenomeno in crescente aumento.

Saranno 13 i posti di docenza  che complessivamente verranno tagliati a livello provinciale di cui ben 4 alla scuola primaria e 4 alla scuola dell’Infanzia, che non beneficiando per Legge di alcun potenziamento e contrariamente ai 6 posti in tal senso destinati dall’Ufficio Scolastico regionale del Veneto, registrerà la mancata attivazione di 2 sezioni.

I dati forniti in sede di informativa dicono che per l’anno scolastico 2018-2019:

– la scuola  dell’ INFANZIA  potrà complessivamente contare su un organico pari a 718 posti comuni  a cui vanno aggiunti 71 posti di sostegno, in lieve aumento rispetto all’anno 2017-2018, che opereranno e daranno copertura alle 359 sezioni sinora autorizzate;

– la scuola PRIMARIA, oltre a registrare un picco di caduta verticale degli alunni, vedrà attivati complessivamente 3179 posti comuni di cui 151 specialisti di lingua inglese e a cui vanno aggiunti 43 posti di alfabetizzazione per l’istruzione degli adulti e 530 posti di sostegno che opereranno a copertura delle 2113 classi di cui 761 a tempo pieno, tempo scuola quest’ultimo che registra una crescita complessiva di ben 25 nuove classi attivate rispetto all’anno 2017-2018.

Come CISL SCUOLA Verona, diversamente dalle altre sigle sindacali presenti al tavolo, abbiamo espresso al nuovo Dirigente dell’Ufficio Scolastico di Verona da poco insediatosi, forti perplessità circa la riduzione dei posti che, oltre a generare soprannumero tra i docenti, impatta proporzionalmente in misura pesante su settori quali primaria e infanzia, da tempo in sofferenza e che comprendono gran parte dell’arco temporale di vita scolastica degli alunni nell’assolvimento dell’obbligo. Ciò avviene in modo altresì a nostro avviso contraddittorio riducendo posti, che già oggi la consistente  platea  di aspiranti docenti diplomati magistrali o laureati risulta numericamente insufficiente per dare copertura. Anziché risolvere la questione degli aspiranti docenti con una stabilizzazione diffusa vengono tagliati i posti su cui dare prospettiva d’impiego alle aspiranti insegnantipiù o meno ricorrenti.

Oltre alla questione diplomati – Gae come CISL SCUOLA Verona abbiamo quale unica sigla portato l’attenzione sulle risorse di personale impiegabili nei servizi ausiliari, amministrativi e tecnici imprescindibili a sostenere un aumento inversamente proporzionale del tempo scuola; fin da subito abbiamo chiesto l’impegno dell’Ufficio scolastico territoriale ad adoperarsi per un aumento dei posti in l’organico del personale ATA,  in una misura congrua a sostenere l’ampliamento del tempo scuola.

Su entrambe le osservazioni  inerenti le questioni aperte dei diplomati magistrali e del personale ATA abbiamo registratola disponibilità di ascolto e dialogo del nuovo Dirigente dell’Ufficio Scolastico di Verona, che si é impegnato ad aprire con le Organizzazioni Sindacali un costruttivo percorso di confronto nella ricerca di possibili soluzioni.