PENSIONI: approvato atteso decreto QUOTA 100 !

Categorie: , , , , , | 18-01-2019

Dopo gli annunci e i rinvii degli scorsi giorni il Consiglio dei ministri ha finalmente approvato il Decreto con cui viene definito l’impegno di 22 miliardi di euro a copertura delle misure previste in materia di accesso alla pensioni con quota 100 e per il reddito di cittadinanza.

Da una prima lettura il decreto conferma la possibilità di andare in pensione con il requisito di 62 anni di età e 38 di contributi, per una platea di 1 milione di lavoratori nell’arco del prossimo triennio. Le domande attese e stimate riguarderanno per il 2019 circa 290.000 lavoratori tra pubblico e privato Con una copertura economica pari a 3,9 miliardi. Ma come discutibile consuetudine per i pubblici dipendenti e quindi anche per il personale della Scuola scatta un trattamento differenziato che comporta l’effettivo accesso alla pensione con quota 100 avverrà dal prossimo 1 agosto, con 3 mesi di ritardo rispetto ai lavoratori dei settori privati.

Temendo inoltre più richieste rispetto alle attese, la Ragioneria dello Stato ha imposto l’inserimento di una clausola di salvaguardia che di fatto per garantire le numerose uscite anticipate blocca la spesa dei Ministeri e in via eccezionale il possibile ricorso a una ulteriore manovra.

Il Decreto interviene anche su altri aspetti legati alla previdenza quali la riconferma dell’ “opzione donna”, la proroga dell’APE Social con almeno 63 anni di età e il pensionamento dei lavoratori precoci  con 41 anni di contribuzione senza alcun adeguamento al rialzo rispetto all’aspettativa di vita.

Una buona notizia arriva anche per la liquidazione del trattamento di fine rapporto con la possibilità, contrariamente ai 24 mesi di attuale attesa, di percepire subito una liquidazione pari a 30.000€ quale anticipo del complessivo importo.

In attesa delle specifiche indicazioni applicative da parte del MIUR e di poter approfondire meglio dal punto di vista tecnico gli effettivi vantaggi o eventuali svantaggi della “quota 100”, come Cisl Scuola  Verona pur registrando positivamente l’impegno del Governo per un accesso flessibile alla pensione, permangono alcune perplessità circa la natura non strutturale dell’intervento nel tempo, considerato che al momento la misara é prevista per soli per 3 anni,  e  la mancanza di un piano di assunzioni ad effettiva copertura dei numerosi potenziali pensionamenti che, come già ben evidenziato e più volte ribadito dalla CISL SCUOLA, potrebbe aumentare la precarietà del lavoro del personale docente e ATA in servizio.