Scuola secondaria: ripresa al 50% in presenza troppo rischiosa e scuole chiuse sino al 31 gennaio!

Categorie: , , , , , , | 04-01-2021

Sul percorso di avvicinamento alla possibile ripresa delle attività in presenza al 50% nella Scuola Secondaria di secondo grado, che ha animato l’opinione pubblica a livello nazionale e locale in questi ultimi giorni, si sono registrati nella giornata odierna importanti e repentini sviluppi.

Come CISL SCUOLA con le altre OO.SS. provinciali del settore scolastico, abbiamo infatti partecipato al tavolo di coordinamento provinciale promosso dal Prefetto nel corso del quale é stato presentato il piano approntato per la ripartenza e che ha visto l’impegno sinergico delle Istituzioni, con particolare riguardo agli interventi inerenti la rete scolastica e i trasporti a livello locale.

Nel corso dell”incontro, che ha avuto carattere costruttivo e ha visto la disponibilità da parte dei soggetti istituzionali al positivo coinvolgimento nella partecipazione e alla considerazione delle richieste avanzate dalle parti sindacali, é stata presentata la graduale organizzazione della ripresa delle attività ipotizzata di cui riportiamo a seguire gli aspetti più significativi:

-il potenziamento del trasporto pubblico (aumento di una settantina di mezzi sulla rete di trasporto locale e corse speciali per studenti);

-lo “scaglionamento”  negli orari  di ingresso degli studenti degli istituti della città di Verona(classi dalla prima alla terza ore 8,00- classi quarta e quinta ore 9,30), mentre per gli Istituti della provincia un unico orario avvio delle lezioni per tutti gli studenti;

-la riduzione dell’ora di lezione a 50 minuti, considerata la straordinaria situazione, senza non poche difficoltà e incognite realizzative;

Un piano rispetto al quale come CISL SCUOLA Verona , pur registrando alcuni passi in avanti sul potenziamento dei trasporti che sin dall’estate scorsa avevamo evidenziato come nodo nevralgico da sciogliere per garantire una Scuola in piena e sostenibile sicurezza, abbiamo chiesto garanzie di fattibilità e abbiamo sollecitato le Istituzioni ad avere la necessaria prudenza alla luce dei crescenti e preoccupanti dati di contagio e per non compromettere quanto sinora fatto in termini di didattica in sicurezza dagli Istituti veronesi.

Una sollecitazione quest’ultima che qualche attimo dopo é stata raccolta dalla Regione Veneto, che con propria Ordinanza, che riportiamo in allegato, ha disposto oggi la prosecuzione della didattica digitale a distanza nelle Scuole Secondarie di secondo grado e nei Centri di Formazione Professionale, dal 7 al  prossimo 31 gennaio, con il solo funzionamento delle attività di laboratorio.

Nel prendere atto di una scelta ponderata, a nostro avviso inevitabile  considerata la situazione di elevato e crescente rischio e comprendendo le legittime attuali preoccupazioni della collettività e del personale scolastico sulla salute e la necessaria tutela di quest’ultima, riteniamo possa non essere del tutto sbagliato valutare ai diversi livelli istituzionali una sospensione delle lezioni in presenza anche per gli Istituti del primo ciclo in cui frequentano bambini e ragazzi e lavora personale docente e Ata non meno sacrificabili. 

allegati:

Ordinanza Regionale_del_04_gennaio_2021