Scuola veronese: un disastro annunciato, ma che va fermato!

Categorie: , , , , , | 26-08-2019

Alla vigilia dell’avvio  del nuovo anno scolastico, la già disastrosa situazione della rete scolastica veronese balzata ai tristi onori delle cronache per la questione dei numerosi posti di docenza vacanti, registra un’altra preoccupante e inaccettabile pagina che in tempi non sospetti come CISL Scuola Verona avevamo già denunciato: quella della mancata copertura ad oggi di oltre il 50% dei posti DSGA e della mancata autorizzazione dei posti in deroga del personale ATA che mette a rischio la concreta apertura degli edifici scolastici e la tenuta amministrativa delle segreterie.

La ricetta da tempo nota e che non cambia nonostante gli avvicendamenti politici era quella di ricorrere all’utilizzo di forme crescenti di lavoro precarizzato, sfruttando in modo irriverente e senza alcun adeguato riconoscimento anche economico l’impegno del personale già in servizio; così si é preferito bloccare il Contratto Collettivo Nazionale per le progressioni verticali, non investendo sul personale se non con incarichi  a tempo determinato, in nome di un risparmio realizzato sulla pelle dei lavoratori, con i seguenti discutibili risultati che oggi sono sotto gli occhi di tutti:

-gli amministrativi facenti funzione in sostituzione DSGA, alcuni persino esclusi dal bando di Concorso per Direttore Amministrativo,  non sono più sufficienti a garantire tutte le copertura necessarie;

– all’aumento del tempo scuola, come ad esempio il numero di classi a tempo pieno voluto anche dall’Ufficio Scolastico di Verona, non seguiranno adeguate risorse di personale ATA necessarie a garantire la nuova offerta formativa, in quanto l’Amministrazione a diversi livelli non impegna le risorse necessarie per autorizzare gli oltre 300 posti regionali in organico di fatto che per la sola provincia di Verona significano oltre la quarantina di unità in meno rispetto all’anno scolastico 2019-2020.

Nella ferma convinzione che le Istituzioni e l’opinione pubblica debbano uscire dal disincanto della “Buona Scuola” mai pervenuta e sempre più “Scuola alla buona”, unitamente alle altre Organizzazioni Sindacali provinciali abbiamo deciso di ribadire con forza le profonde ragioni del personale ATA veronese sempre più negli ultimi anni oberato di lavoro, economicamente mal pagato, ma indispensabile perchè la Scuola veronese funzioni e possa garantire una offerta formativa di qualità.

Per questo e per sensibilizzare famiglie e istituzioni sul grave stato di trascuratezza dell’organico Ata e per rivendicare le risorse che servono anche a garantire più occupazione a livello provinciale, giovedì 29 agosto dalle 15,00 alle 17,00 in presidio ci ritroveremo davanti alla Prefettura di VERONA, in Via Santa Maria Antica, 1.

Invitiamo il personale ATA a raggiungerci e a partecipare numeroso per testimoniare con forza i grandi disagi lavorativi quotidianamente affrontati e per porre con determinazione fine ad uno sfruttamento del lavoro inaccettabile, che mette a rischi la salute dei lavoratori e che va fermato ad ogni costo!

allegati:

– Comunicato presidio provinciale 29 agosto-Contro i tagli al personale ATA e in difesa della Scuola Veronese

– Denuncia CISL SCUOLA Verona per tagli ATA-L’Arena 27_09_2016