Sospensione attività scolastiche prorogata sino al 3 Aprile!

Categorie: , , , , , , , , , , | 10-03-2020

A seguito delle misure di contenimento del contagio da CORONAVIRUS definite dal Governo negli ultimi giorni segnaliamo che, dopo  una prima individuazione di alcune zone rosse nelle province di Padova, Treviso, Venezia e del mantenimento discutibile anche in tali zone della sospensione delle attività scolastiche, con recente Dpcm del 9 marzo 2020 anche la provincia di Verona é stata classificata, come il resto del territorio nazionale, zona rossa con una proroga della sospensione delle attività e della frequenza degli alunni sino al prossimo 3 aprile 2020.

Pertanto pur comprendendo la complessità della situazione in essere e la priorità della tutela sanitaria, ci corre l’obbligo evidenziare come:

in modo contraddittorio e con discutibile esposizione al contagio il personale ATA con organici numericamente già ridotti, pur se in modo contingentato, sia chiamato ad essere in servizio;

– in forme improvvisate, con piattaforme, modalità, strumenti e impegni diversi del personale docente da Istituto a Istituto, si stiano mettendo in essere le migliori soluzioni possibili didattica a distanza con alcune forzature contrattuali.

Non meno critica la situazione  delle scuole paritarie, con numerosissimi Istituti veronesi, dove si stanno attivando procedure contrattuali per l’accesso agli ammortizzatori in deroga a tutela e sostenibilità del personale a fronte della sospensione forzata delle attività

Come Cisl Scuola Verona raccomandiamo l’impiego del personale con buon senso e per lo stretto necessario in attività indifferibili, riprogrammando laddove possibile gli impegni. Auspichiamo altresi che il prezioso impegno e la dedizione mostrata dal personale scolastico nel fronteggiare una emergenza che sta condizionando in modo irreparabile l’operatività, i risultati e il valore dell’azione educativo didattica della Scuola oltre che lo sviluppo socio-economico del Paese, trovi adeguato riconoscimento anche a superamento dell’epidemia CORONAVIRUS.

Se ciò non avvenisse per la poca memoria del Ministro di turno, risulterebbe inaccettabile e strumentale che all’innovazione prodotta con mezzi limitati non seguissero i necessari e adeguati investimenti di risorse umane ed economiche.

allegati:

– DPCM 8 marzo 2020_Gazzetta ufficiale

DPCM 9 marzo 2020_Gazzetta ufficiale