Trasferimenti e passaggi: conclusa positivamente la contrattazione nazionale tra MIUR e OO.SS.

Categorie: , , , , , , | 28-12-2018

In attesa che venga ufficializzata breve la pubblicazione dello specifico Contratto integrativo, informiamo il personale docente e Ata interessato a produrre domanda di trasferimento e/o passaggio di ruolo/cattedra/profilo che si é recentemente conclusa la trattativa Miur-OO.SS. sulla Mobilità per il prossimo anno.

A seguire evidenziamo le  principali novità emerse dall’ultimo decisivo confronto al MIUR e su cui come CISL SCUOLA, unitamente alle altre Organizzazioni sindacali, abbiamo agito in ottica migliorativa delle disposizioni contrattuali.

Il risultato più rilevante e significativo della nostra azione é senza dubbio che il nuovo Contratto ripristina per tutti i docenti la titolarità su scuola, a superamento degli ambiti territoriali creati dalla Legge 107/2015, con il conseguente reintegro della fase comunale dei movimenti.

Altra novità a garanzia della continuità didattica è il vincolo, su domanda di trasferimento volontaria, triennale di permanenza che con riferimento all’art.22 del nuovo CCNL risulta in ultima definizione così disciplinato:

– il docente che ottiene la scuola richiesta “puntualmente” , non potra’ presentare domanda per il prossimo triennio.

– il docente che, all’interno della I° fase dei movimenti (comunale) ottiene l’istituzione scolastica attraverso la preferenza “distretto sub comunale” non potrà presentare domanda per il triennio successivo.

– il vincolo triennale scatta anche per i movimenti di II° fase per i trasferimenti da posto comune a sostegno e viceversa e per la mobilità professionale per movimenti all’interno dello stesso comune.

Altre importanti novità riguardano i Licei Musicali, tenuto conto anche dell’allargamento dell’organico per le ore di strumento, si è condiviso di continuare la “stabilizzazione” dei docenti utilizzati sui posti specifici (mobilità professionale straordinaria), attraverso una revisione delle procedure rispetto agli anni precedenti e come di seguito riportato

– la ripartizione del contingente per il 50% alla mobilità professionale/territoriale e per il 50% alle immissioni in ruolo(per l’anno scolastico 2019/20 il posto unico o dispari e’ destinato alla mobilità);

– per l’a.s. 2019/20 i docenti che hanno prestato servizio almeno per un anno sulla specifica disciplina per la quale chiedono il passaggio presentano domanda cartacea e vengono poi graduati in base agli anni di servizio effettivamente prestati sulla disciplina e in caso di parità, in base alla tabella relativa alla mobilità professionale, verranno valutati anche gli anni a tempo determinato e l’anno in corso;

– al fine di garantire la continuità didattica si procede alla conferma prioritaria dei docenti il cui posto sia disponibile nello stesso liceo musicale di servizio, indipendentemente dalla posizione occupata nella graduatoria degli aventi diritto al passaggio e solo in un secondo momento si effettua la mobilità territoriale provinciale sui posti rimasti disponibili, che laddove residuino  al termine dei movimenti provinciali saranno utilizzati per la mobilità territoriale e professionale in entrata sulla provincia.

– per gli anni 2020/21 e 2021/22 invece il 50% dei posti viene sempre accantonato per le nuove immissioni, mentre l’eventuale posto unico o dispari è assegnato nel 2020/21 alle assunzioni e nel 2021/22 alla mobilità.

Per quanto riguarda il personale ATA, l’ipotesi finale sulla quale si è trovata una posizione condivisa prevede che il personale Co. Co. Co. assunto nel profilo professionale di assistente amministrativo o tecnico in base della procedura selettiva ai sensi dell’art.1 co.619 della Legge finanziaria 2018, ottiene la titolarità presso l’istituzione scolastica su cui è stata effettuata l’assegnazione all’atto dell’assunzione in servizio. Pertanto tale personale, per l’a.s. 2019/20, non partecipa alle operazioni di mobilità e saranno  previsti ulteriori fondi nella attuale Legge di Bilancio, che secondo l’ordine ordine di graduatoria, consentiranno di trasformare il contratto a tempo pieno.