Assunzioni docenti:conclusa procedura della disperazione e dell’incertezza!

Categorie: , , , | 14-08-2015

Si è conclusa oggi la procedura di presentazione della domanda  on line per la partecipazione alla fase nazionale del piano straordinario di assunzioni fasi  B e C. Una procedura di cui fin dal principio abbiamo già denunciato il carattere iniquo che ha visto i precari stretti nella morsa di un assurdo ricatto dove in cambio della meritata stabilizzazione occorreva essere disponibili ad una mobilità incondizionata, caratterizzata da pesanti incertezze e incognite per il proprio futuro, non solo professionale, ma soprattutto di vita.

Complessivamente le domande inoltrate risultano essere 71.643 secondo quanto reso noto dal MIUR, di cui 3694 in Veneto che rappresentano un dato modesto,  rispetto ad altre realtà regionali segnate dal disagio occupazionale come Sicilia e Campania che fanno registrare rispettivamente   11864 e 11142 istanze prodotte. Numeri che non fanno il pari con la complessiva  platea di personale precario abilitato, potenzialmente destinatario di assunzione, attraverso i quali si può leggere lo stravolgimento geografico  che preannuncia quale sicuro effetto un elevato tasso di mobilità del personale in uscita da alcune regioni verso altre e l’ennesima  mortificazione professionale del personale precario.

Una visione miope e inaccettabile quella del Governo che continua a considerare i precari come numeri e non come persone, e che anche oggi traspare e per l’ennesima volta dall’enfasi con cui il Ministero ha reso pubblici i numeri delle istanze on line presentate;  numeri, si cela una realtà ben diversa da quella che si vorrebbe far credere fatta di migliaia e migliaia di persone che in queste settimane  hanno affollato la nostra sede chiedendo assistenza e consigli, per decifrare istruzioni assolutamente poco chiare, criteri improvvisati o cambiati in itinere, di un piano di assunzioni destinato a creare, per come impostato e gestito, più problemi di quanti ne avrebbe dovuto risolvere.

Come CISL SCUOLA abbiamo chiesto per mesi di essere ascoltati, di poter discutere le nostre proposte, sostenute da una reale conoscenza dei problemi della scuola e di chi ci lavora. Inutilmente abbiamo insistito perché si partisse da un serio rilevamento del fabbisogno di organico, cui far seguire l’indicazione di criteri e modalità di gestione del piano di assunzioni. Si è voluto fare l’esatto contrario, mettendo in piedi una procedura farraginosa, forzando le scelte di persone che oggi si vedono costrette ad affrontare il rischio di una mobilità territoriale insostenibile e assurda. Dietro ai numeri di cui il Governo fa sfoggio resta molta confusione e il disagio di tanta gente che spesso vive con disperazione l’ipotesi di dover lasciare la famiglia per accettare una nomina in una qualunque delle province italiane.

La CISL SCUOLA continuerà a sostenere e portare avanti le istanze del  Precariato della Scuola ; un mondo non fatto solo di numeri di cui il Governo ha ben poco di cui vantarsi, ma fatto di persone in carne e ossa che non hanno unicamente, come si è vergognosamente detto, la pretesa di avere il lavoro sotto casa ma cercano lavoro laddove c’è con il proprio pesante carico di difficoltà e aspettative per un futuro sempre più incerto. Questo diretto e quotidiano contatto con i lavoratori e i loro problemi é ciò che come CISL SCUOLA ci distingue  da un Governo che vive di facili e presuntuose promesse che, ignorando le persone e il loro vissuto, anziché risolvere ne moltiplicano i problemi.