Concorsi e nuove abilitazioni: prosegue la forte mobilitazione contro il Decreto Legge!

Categorie: , , , , , , , , , , | 05-11-2019

All’indomani della pubblicazione del Decreto Legge 126/19 “Misure di straordinaria necessità ed urgenza in materia di reclutamento del personale scolastico e di abilitazione dei docenti” ha preso avvio da subito una forte mobilitazione tesa a rivendicare la totalità degli impegni traguardati con l’intesa sindacale del 1 ottobre 2019 e che il Governo ha parzialmente ma in modo significativo disatteso

Evidenziamo in particolare che in modo assai discutibile:

– sono stati esclusi dal concorso riservato gli assistenti amministravi facenti funzione di DSGA, senza titolo di studio specifico, anche in presenza di una Legge che ne riconosce il diritto;

– manca ancora all’appello nel Decreto Legge la soluzione per la proroga dei contratti in essere dei diplomati magistrali;

– l’apertura al personale delle scuole paritarie non esaurisce la partita dei concorsi abilitanti per gli altri esclusi da inserire in un collegato alla legge di bilancio.

Per queste ragioni prosegue la mobilitazione della CISL SCUOLA unitamente alle altre sigle sindacali con una protesta forte, che con particolare riguardo ai facente funzione DSGA potrebbe mettere in discussione gli stessi incarichi di sostituzione attualmente assunti dal personale amministrativo.

Per approfondire i temi della mobilitazione sono promosse assemblee sindacali a livello provinciale e i seguenti momenti di protesta:

lunedì 11 novembre presidio nazionale precari, a Roma, in piazza Montecitorio;

– assemblee regionali dedicate, con particolare riguardo ai facenti funzione DSGA, a MILANO il 9 novembre , il l8 novembre a NAPOLI, a BOLOGNA il 19 novembre.

Chiediamo al personale precario docente e Ata  l’impegno ad una forte e numerosa partecipazione ai momenti di incontro e protesta.