Reclutamento: parte al Miur il tavolo tecnico sui nuovi percorsi abilitanti

Categorie: , , , , , | 23-10-2019

Si è recentemente svolto il primo incontro del tavolo tecnico di confronto sul disegno di legge finalizzato ad introdurre nuovi percorsi formativi abilitanti come richiamato nel testo dell’Intesa del 1° ottobre scorso.

Accanto Concorsi straordinari abilitanti e finalizzate all’assunzione in ruolo di 24.000 precari , l’Intesa Miur-OO.SS. ha previsto uno specifico provvedimento collegato alla Legge di Bilancio, la quale inizierà a breve il suo iter di discussione parlamentare, per  reintrodurre  i percorsi abilitanti all’insegnamento.

Nell’ attuale ordinamento infatti tutti i percorsi abilitanti sono stati soppressi, ad eccezione del TFA sul  sostegno, dal decreto legislativo 59/2017 e dalle successive modifiche introdotte  dalla legge legge 145/2018,  che hanno individuando una sola modalità per abilitarsi ossia mediante il superamento del Concorso Ordinario.

Durante l’incontro come Cisl Scuola abbiamo ribadito la necessità di prevedere  in modo strutturale e con regolarità periodica percorsi abilitanti che vengano incontro alle diverse aspirazioni delle persone. Vanno quindi a nostro avviso costruiti:

percorsi abilitanti per i docenti con tre annualità di servizio sia nella scuola statale sia nella scuola paritaria e Centri di formazione professionale

-percorsi di formazione in servizio abilitante per i docenti già di ruolo,

-percorsi finalizzati al conseguimento dell’abilitazione per gli aspiranti docenti che siano privi di servizio di insegnamento.

Abbiamo quindi chiesto di accelerare i tempi del confronto al fine di dare risposte al più presto alle legittime richieste del personale interessato, a garanzia della futura occupazione stabile delle risorse umane, numericamente e qualitativamente adeguata a sostenere l’effettivo fabbisogno educativo-didattico degli Istituti scolastici.

Il tavolo al termine di questo primo incontro dal carattere interlocutorio é stato aggiornato a lunedì 28 ottobre prossimo per la prosecuzione dei lavori, con l’assunzione da parte del Ministero dell’impegno per tale data di presentare il testo di Legge, su cui concretamente si svilupperà il confronto e la discussione con le Organizzazioni Sindacali