Zona Rossa: lavoro a distanza e congedi!

Categorie: , , , , , , , | 15-03-2021

Scattate da oggi, come già anticipato, le nuove restrizioni anti contagio della “Zona Rossa”, che impongono anche alle scuole veronesi il doversi riorganizzare in didattica digitale.

Le maggiori perplessità si sono concentrate non tanto dalla pianificazione delle attività didattiche in digitale, ma riguardano l’utilizzo del personale, con sorprendenti difficoltà ad approntare e accordare i necessari elementi di flessibilità, che il buon senso e la situazione di contesto imporrebbero anche alla luce del già fattivo concorso al contenimento dei contagi dimostrato nei mesi scorsi e nelle ultime settimane dal personale docente, educativo e Ata degli Istituti veronesi.

Ricordiamo infatti che le attività in digitale devono svolgersi nel rispetto del Contratto Collettivo Nazionale Integrativo sulla DDI, dell’organizzazione didattica definita dal collegio docenti deliberazione di apposito regolamento in materia ai sensi delle prerogative di Legge indicate dal DPR 275/1999, oltre che delle Note operative condivise e impartite dal Ministero dell’Istruzione Ricordiamo altresì che l’orario settimanale del personale docente é garantito con attività in forma sincrona e completato con attività in forma asincrona; non esiste alcuna possibilità di chiedere alcuna forma di recupero orario o altresì “banca ore”.

Al quadro normativo sopra riportato si aggiunge poi il rispetto e le conseguenti responsabilità nel garantire al personale adeguate condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, evitando possibili situazioni esposizione al contagio non necessarie. A riguardo occorre osservare altresì quanto indicato anche dall’art 48 comma 1 del Dpcm 2 marzo 2021, ossia limitare le presenze del personale esclusivamente per le sole attività indifferibili o di gestione dell’emergenza, favorendo lo svolgimento delle prestazioni del personale in modalità agile.

In questo quadro normativo si inseriscono anche le recenti disposizioni di cui all’art 2 del Decreto Legge 30/2021 che legano l’accesso al congedo parentale straordinario, retribuito al 50% per figli fino ai 14 anni di età e senza retribuzione dai 14 ai 16 anni, alla sola possibilità che l’attività lavorativa non possa essere svolta in modalità agile. In tale ottica evidenziamo che secondo le note operative ministeriali riguardanti luogo e strumenti di lavoro della didattica digitale ” … La dirigenza scolastica, nel rispetto delle deliberazioni degli organi collegiali nell’ambito del Piano DDI, adotta, comunque, ogni disposizione organizzativa atta a creare le migliori condizioni per l’attuazione delle disposizioni normative a tutela della sicurezza e della salute della collettività, nonché per l’erogazione della didattica in DDI, anche autorizzando l’attività non in presenza, e garantendo che la prestazione lavorativa sia comunque erogata. …”

Riteniamo pertanto che a fronte di motivate richieste del personale, legate alla gestione famigliare di figli minori in età scolare, si debba avere l’attenzione ad accordare prioritariamente il lavoro a distanza; infatti l’accesso al congedo ritenuto come ultima possibile soluzione dalle norme non garantirebbe la necessaria continuità di prestazione in digitale del personale Ata e docente, ricorrendo potenzialmente le condizioni di dover garantire adeguata sostituzione funzionale all’efficacia dell’azione didattica e amministrativa.

Nell’invitare pertanto a valutazioni di efficacia organizzativa rispettose dell’organizzazione didattica in capo ai Collegi docenti e delle disposizioni normativo contrattuali, in allegato proponiamo alla facile consultazione le note operative Ministeriali sulla DDI e una utile sintesi su congedi e bonus baby-sitting.

 

allegati:

Note operative CCNI DDI

D.L. 30_2021

Sintesi CISL Veneto su congedi e bonus baby-sitting DL 30.2021