Rinnovo del CCNL con 7€ ? Per la CISL SCUOLA sono una vergogna!

Categorie: , , , , , | 20-10-2015

Per la CISL SCUOLA risultano insufficienti le risorse destinate  nella  futura Legge di Stabilità 2016  al rinnovo del CCNL, che restituirebbero al personale della Scuola docente e Ata un aumento medio di  7€, da considerare vergognoso a fronte dell’impoverimento del potere d’acquisto delle retribuzioni , di gran lunga al di sotto della media europea e dei paesi OCSE, e del blocco pluriennale dei Contratti che la corte Corte Costituzionale  ha dichiarato illegittimo:

In tale ottica è intervenuto sulla questione, anche Il Segretario Generale Nazionale, Francesco Scrima:

“Lo stanziamento di fondi per il rinnovo dei contratti pubblici nella legge di stabilità è semplicemente una vergogna. Il mondo della scuola, che proprio sul rinnovo del contratto si sta mobilitando in questi giorni, non merita di ricevere dal governo questa ennesima offesa”.

“Sono sette anni che il contratto è fermo, anni nei quali solo il senso del dovere e la passione per il proprio lavoro di docenti, personale ATA e dirigenti, ha permesso alla scuola italiana di andare avanti, mentre le si toglievano risorse e opportunità. Lo hanno fatto con grande fatica, attingendo alle loro risorse di competenza e professionalità. Per questo meritavano e meritano ben altra “ricompensa” da un Governo che li ha solo ricoperti di belle parole mai tradotte in fatti concreti”.

“Qualche giorno fa il presidente del consiglio ha definito “un piagnisteo” le rimostranze sempre più forti e numerose che salgono dal mondo della scuola per una riforma pasticciata e confusa, dando prova di mancanza di rispetto oltre che della consueta incapacità di ascolto. Rendere ora disponibili meno di sette euro lordi pro capite per il rinnovo del contratto può essere considerata solo una provocazione, destinata ad allargare ancor di più il solco che le tante promesse non mantenute hanno scavato in questi mesi tra chi governa e il mondo della scuola”.

“Una scuola al passo con l’Europa – ha concluso Scrima – significa anche una scuola in cui la professionalità di chi ci lavora possa far conto su un riconoscimento che almeno si avvicini a quanto avviene in altri paesi. C’è invece un divario che oggi è sotto gli occhi di tutti, un contratto non basta certo per colmarlo, ma dev’essere l’avvio concreto e reale di un doveroso percorso di riallineamento. Le scelte del governo vanno in direzione opposta, non staremo certamente a guardare, ci batteremo con forza per un contratto dignitoso”.


Se questo è il contesto per la CISL SCUOLA diventa inevitabile, un inasprimento della mobilitazione in atto, che vedrà le Organizzazioni Sindacali scendere unitariamente in piazza giovedì 22 ottobre davanti al Ministero per rivendicare  maggior considerazione per il personale ATA e sabato 24 ottobre a livello regionale a Venezia Campo S.Geremia, per continuare a denunciare all’opinione pubblica le criticità della Legge 107/2015 e la mancata considerazione del lavoro del personale della SCUOLA,  che da tempo attende di essere premiato da un adeguato e legittimo rinnovo del CCNL.