Anticipazioni su nomine in ruolo provinciali docenti da GAE e personale ATA

Categorie: , , , , , | 19-08-2019

Durante l’informativa sulle assunzioni a tempo indeterminato tenutasi stamattina presso l’Ufficio Scolastico di VERONA, sono state fornite alcune anticipazioni che, in attesa dei calendari ufficiali,  di seguito riportiamo sulle operazioni di nomina in ruolo a livello provinciale:

– docenti primaria e infanzia  probabilmente dal 22 agosto;

– docenti secondaria probabilmente  dal 26  agosto, dopo scelta sedi da Concorso il 22 e 23 agosto;

– personale ATA dal 28 agosto;

Per la copertura provinciale in sostituzione e  a copertura dei posti di DSGA vacanti operazioni di nomina probabilmente dal 30 agosto.

Per quanto attiene il contingente del personale ATA  saranno  25 e non 22 gli assistenti amministrativi assunti in ruolo; situazione drammatica invece quella dei DSGA con il 60% degli Istituti veronesi che risulta essere sede vacante e anche le ipotizzabili coperture rischiano di essere insufficienti lasciando numerosi Istituti Scolastici del territorio senza una guida amministrativa.

Come CISL SCUOLA Verona oltre ad evidenziare i problemi legati al preoccupante e crescente numero di posti di docenza e personale ATA vacanti e delle dotazioni d’organico insufficienti all’effettivo funzionamento, abbiamo chiesto al tavolo provinciale di valutare, nonostante l’ostacolo delle miopi istruzioni Ministeriali, la possibilità di un ampliamento delle disponibilità per la scelta della sede di assunzione in ruolo, aggiungendo sia per il personale docente e sia per il personale ATA, i posti che dal 1 settembre 2019 risulteranno vacanti a seguito dei pensionamenti quota 100.

La richiesta é stata avanzata alla luce dei constatati e manifesti disagi raccolti dagli aspiranti in fase di scelta e che hanno comportato no n pochi rallentamenti nelle operazioni e dalla particolare situazione di criticità della rete scolastica veronese, al fine di dare maggiore stabilità al lavoro e continuità di servizio al personale degli Istituti scolastici veronesi e di agevolare la scelta degli aspiranti al ruolo coniugando al meglio, per quanto possibile, lavoro e famiglia.