Assunzioni precari: falso che senza riforma non servano!

Categorie: , , , , , | 23-06-2015

Continua la ferma presa di posizione della CISL SCUOLA alla luce dell’annunciato stop al piano straordinario di assunzioni contenuto nel piano DDL Buona Scuola. Risulta infatti inaccettabile e pretestuoso che il Governo scarichi la propria insufficienza politica sui precari, mettendo in discussione  il  loro legittimo diritto alla stabilizzazione del rapporto di lavoro.

Dopo l’annunciato ritiro del piano straordinario, ora il serio rischio é che il “grande bluff ” del Governo sulle promesse 100.000 assunzioni si trasformi nella drammatica realtà della mancata assunzione del personale precario per il prossimo anno scolastico.

In modo strumentale e falso  infatti il Governo continua a sostenere di fronte all’opinione pubblica che le assunzioni  non sono possibili senza la complessiva  “riforma”  della Buona Scuola, ben sapendo che per funzionare regolarmente ha la Scuola già oggi conta sul lavoro di 13o.000 precari , numero ben superiore alle promesse assunzioni.  La verità vera è che le centomila assunzioni sarebbero non soltanto indispensabili, ma addirittura insufficienti se l’obiettivo fosse più ambizioso di una pur doverosa “stabilizzazione” del lavoro precario!

Come CISL SCUOLA , unitamente alle altre Organizzazioni Sindacali, sono mesi che tentiamo inutilmente di far capire al Governo che questa è una riforma improvvisata,  perché si regge su criteri artificiosi che nascono da una scarsa conoscenza della vera realtà della Scuola,  col rischio di aggravarne i problemi anziché risolverli.

La CISL  SCUOLA con le altre OO.SS.  prosegue nella  forte mobilitazione chiedendo al Governo di  procedere subito  alle assunzioni , quale atto doveroso verso il personale docente e ATA precario e rispetto a quanto impongono le norme sulla stabilizzazione del lavoro . Chiedere che si proceda subito con le assunzioni significa evitare che della nostra scuola e dei diritti di tanti lavoratori si faccia scempio con una proposta in gran parte sbagliata e che il Parlamento  ha ancora tempo e modo di correggere.

Assumere il personale necessario a far funzionare meglio la scuola è l’obiettivo per cui CISL SCUOLA  si batte da anni, come testimoniano le numerose migliaia di  assunzioni del personale  docente e ATA ottenute in tempi di profonda crisi del Paese!

La smetta in ogni caso il Governo Renzi di far finta di non capire le ragioni e la portata di una protesta che ha visto in piazza l’intero mondo della Scuola !

Se sul progetto di riforma contenuto nel DDL sono necessari  i tempi di un opportuno  approfondimento e una completa revisione, al contrario il Governo  proceda con  urgenza  alle assunzioni del personale docente e ATA in tempi rapidi e congrui  con l’avvio del prossimo anno scolastico, come  immediatamente richiesto in modo unitario dalle OO.SS. provinciali nel comunicato , che riportiamo in allegato.

 

 

allegati: