Autonomia differenziata: Governo riconosce valore fondamentale della Scuola per il Paese!

Categorie: , , , , , , , , , , , , , | 19-07-2019

Prosegue il confronto politico tra Governo e Regioni rispetto all’iter della ricercata intesa istituzionale sul processo di autonomia differenziata e con particolare riguardo alla Scuola.

Un confronto sul quale da tempo come CISL SCUOLA abbiamo evidenziato criticità , che abbiamo ripetutamente chiesto di considerare in sede di confronto anche con le Organizzazioni sindacali.

Nel corso della conferenza stampa odierna da poco conclusasi a Palazzo Chigi, il Presidente del Consiglio Conte oltre ad aver relazionato sulla stato di avanzamento positivo del confronto sempre più vicino araggiungere la prevista Intesa ha precisato che “la Scuola é valore fondamentale per il Paese” e per la cultura del Paese, escludendo la possibilità che tale valore universale possa essere frammentato e parcellizzato in una ventina di distinti sistemi scolastici regionalizzati. Ha altresì affermato che “le Regioni non riceveranno tutte le competenze che hanno richiesto” perchè ciò significherebbe che non vie una equa e condivisa cessione di competenze.
Parole quelle del presidente del Consiglio Conte che pur restituendo un equilibrio istituzionale all’iter di discussione sul processo dell’Autonomia Scolastica differenziata, non sono sufficienti a risolvere le nostre perplessità dell’impatto che le modifiche portate dalla regionalizzazione hanno sul sistema di Istruzione e formazione.

Perplessità che a nostro avviso come CISL SCUOLA Verona, potrebbero essere affrontate e risolte aprendo ad una discussione parlamentare dei contenuti dell’Intesa per l’Autonomia regionale differenziata e ad un confronto nel merito delle misure d’intervento sulla Scuola attraverso un coinvolgimento del personale docente,educativo e ATA e delle Organizzazioni Sindacali di categoria.
Continueremo pertanto con attenzione a vigilare sugli sviluppi del processo di regionalizzazione scolastica , continuando a denunciarne le criticità e a incalzare il Governo sull’apertura di un dialogo con il mondo della Scuola.