Chiamata diretta docenti: questione rientrata grazie alla Contrattazione!

Categorie: , , , | 06-06-2018

Come avvenuto già con i trasferimenti dello scorso anno, anche i primi dati dei movimenti del personale docente per l’anno scolastico 2018/19, avvengono prevalentemente sulla singola scuola, e non su ambito come stabilito dalla Legge.

Ben 13.863 su un totale  di 16.211 movimenti, avvengono infatti su scuola mentre  quelli che avvengono su ambito sono solo 2.348 e riguardano prevalentemente, come era facile immaginare la mobilità interprovinciale (1.605 i trasferiti su in altra provincia).

Se per il 2017/18 la percentuale dei trasferiti su ambito era stata del 15,8%, quest’anno addirittura scende al 14,5%. L’elaborazione dei dati MIUR che come CISL Scuola abbiamo realizzato e riportiamo in allegato, evidenzia inoltre come i trasferimenti fra province diverse siano pari al 19,6% del totale, in crescita di un punto percentuale  rispetto all’anno scorso.

I dati confermano quindi in modo evidente come attraverso l’azione contrattuale, che come CISL SCUOLA abbiamo fortemente voluto e sostenuto, sia stato possibile affrontare e risolvere una delle più rilevanti criticità della Legge 107/2015, quella chiamata diretta che esce ancora una volta ridimensionata, tanto da apparire ormai del tutto residuale.

allegati:

Elaborazione Cisl Scuola dati movimenti primaria 2018