Concorso Dirigenti Scolastici: incontro MIUR-OO.SS.

Categorie: , , , | 30-12-2014

Si è da poco svolto presso il MIUR, il previsto ‘incontro di informativa sullo schema di Decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri, recante il Regolamento del “corso-concorso per il reclutamento dei dirigenti scolastici”. Il Decreto avrà un iter complesso e, per la sua natura regolamentare, dovrà essere adottato previo parere del Consiglio di Stato e sottoposto al visto ed alla registrazione della Corte dei conti. E’ quindi ipotizzabile che la pubblicazione di tale provvedimento  in Gazzetta Ufficiale possa difficilmente avvenire prima del prossimo febbraio e il primo bando sarà probabilmente emanato dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione non prima della primavera 2015.

Riportiamo a seguire alcune anticipazioni sui contenuti del bando raccolte in sede di informativa.

Potranno accedere alle prove concorsuali i docenti con almeno cinque anni di servizio, anche pre-ruolo.

Con ogni probabilità vi sarà una prova preselettiva che è prevista nel caso in cui il numero degli aspiranti sia superiore a tre volte la quantità dei posti messi a concorso. I quesiti della prova preselettiva , alcuni dei quali in lingua inglese, riguarderanno le materie oggetto delle successive prove scritte ed orali. Diversamente da quanto richiesto dalla CISL  SCUOLA non saranno presenti  domande di cultura generale o di natura attitudinale.

Al termine della prova preselettiva  sarà stilata una graduatoria , nella quale non è prevista alcuna soglia di sbarramento definita da un punteggio minimo predeterminato, degli aspiranti ammessi alle fasi successive secondo quanto di seguito riportato:

-una  prima prova scritta sarà relativa alla conoscenza dell’organizzazione scolastica, della gestione tecnico-finanziaria, della comunicazione istituzionale, anche in riferimento ai Paesi dell’Unione Europea.

– una seconda prova concorsuale prevede quesiti a risposta aperta, relativi alla soluzione di situazioni problematiche rappresentative della realtà scolastica.

– una prova orale, a cui saranno ammessi i candidati che avranno ottenuto un punteggio non inferiore a  70/100 in entrambe le prove scritte, durante la quale saranno accertate anche le competenze informatiche e nella lingua inglese (livello B1).

La graduatoria per l’accesso al “corso-concorso” sarà redatta aggiungendo al punteggio delle prove scritte e della prova orale, quello relativo ai titoli (20 punti max).  Al corso saranno ammessi un numero massimo di candidati pari al numero dei posti messi a concorso, maggiorato del 20%. Il corso si svolgerà in sei mesi, quattro in aula e due di tirocinio presso un’istituzione scolastica e a tal fine è previsto per i partecipanti l’esonero dalle attività di insegnamento. L’attività d’aula  sarà caratterizzata da una valutazione continua, il cui superamento darà accesso ad una valutazione intermedia tramite esame scritto e ad una esame finale di carattere orale.

La graduatoria finale del Corso- concorso sarà frutto della somma dei punteggi ottenuti nella valutazione intermedia e finale e terrà conto del giudizio espresso dai dirigenti scolastici che avranno funzione di tutor durante il tirocinio.  Secondo quanto affermato dal Ministero in sede informativa l’intera procedura dovrebbe partire a marzo 2015 e concludersi entro settembre 2016.

Durante l’incontro la CISL SCUOLA  ha espresso le seguenti perplessità:

  • nonostante l’ apprezzabile tentativo dell’Amministrazione di evitare gli errori dei concorsi passati, la procedura appare ancora molto complessa ed esposta a contenziosi, già a partire dalla mancata previsione di un punteggio minimo nella prova preselettiva;
  • forti criticità possono emergere  anche dalla scelta di adottare un meccanismo sostanzialmente identico a quello previsto per la dirigenza amministrativa, applicandolo però ad un numero di partecipanti assai elevato;
  • dovrà inoltre essere conciliata l’evidente lunghezza delle articolate fasi concorsuali , aggravata dal fatto che non avrebbe senso far svolgere il tirocinio agli aspiranti dirigenti scolastici nei mesi estivi, con l’esigenza di bandire annualmente la selezione.