Confronto OO.SS.-Ufficio scolastico sulla L 107/2015 “Buona scuola”

Categorie: , , , , , , | 17-09-2015

Alla vigilia dell’inizio delle lezioni, le OO.SS hanno incontrato il Dirigente dell’Ufficio Scolastico di Verona nel tentativo di arginare i danni di una legge ben confezionata, ma di poca sostanza. Durante la conferenza stampa, sul tavolo del confronto sono state evidenziate le numerose criticità di una Legge la cui applicazione sta mettendo in crisi l’intero apparato scolastico seminando molti dubbi e incertezze.

“Un centro che non fotografa la periferia”: vengono infatti messi a disposizione 70 posti ATA a fronte dei 210 richiesti; nella sola provincia di Verona 16 istituti hanno un dirigente reggente, vale a dire 32 scuole che condividono un dirigente (tra i cui ruoli ci sarebbe anche quello di intervenire sulla premialità al merito) e infine la scuola dell’infanzia che, a fronte di un aumento del fabbisogno, si vede ridurre i posti in ordine di diritto. Per non parlare poi dei ritardi tecnici che si accumulano in continuazione generando non pochi disagi nelle amministrazioni e inevitabile sconcerto tra le fila di chi attende un posto di lavoro.

Ma non solo i dati sono poco rassicuranti, altre controverse nuove prassi introdotte dalla legge 107 sono state evidenziate dalle OO.SS. per il loro discutibile apporto alla stabilità e al miglioramento della scuola: la già citata valutazione con l’inevitabile conseguente antagonismo tra i docenti e l’abolizione delle supplenze che non tutela la professionalità docente e quanto meno il diritto allo studio degli studenti, ma mira solo a risolvere lo spinoso problema delle sostituzioni.

Il Dirigente dell’Ufficio Scolastico ha riconosciuto il lavoro di affiancamento e la collaborazione del sindacato in questi giorni di avvio dell’anno scolastico. Trovandosi tuttavia a dover applicare le nuove disposizioni, ha confermato in particolar modo la criticità della copertura dei posti ATA per poi passare a considerazioni di più ampio respiro sull’annosa difficoltà di stabilizzazione del precariato che dalla legge 270 del 1982 ad oggi ha raccolto solo fallimenti, per una mancanza di applicazione continuativa, portando inevitabilmente alla situazione odierna. La scuola è il più grande sistema del nostro paese, è per questo inevitabile ricorrere a qualche aggiustamento e correzione di rotta, ottimo sarebbe tuttavia che fossero banditi concorsi annuali con commissioni stabili per permettere un costante e più preciso turn-over del personale senza generare pesanti e ingestibili situazioni di precariato.

Forse mai come in questo momento c’è stato e c’è il bisogno di uno sforzo condiviso per sanare le numerose criticità emerse dall’applicazione di una legge passata senza confronto con le organizzazioni sindacali che in questo momento sono unite nel chiedere spazi di confronto, negoziato e contrattazione sia per una giusta e doverosa valorizzazione, normativa ed economica, di tutti i profili professionali operanti nella scuola, sia per sostenere attivamente processi di crescita in qualità ed efficacia della scuola pubblica.

CISL SCUOLA VERONA ha comunque sottolineato che é inaccettabile l’idea che l’intera responsabilità al buon funzionamento della Scuola sia solo demandato  al solo impegno e all’intensificazione del lavoro del personale docente, educativo e ATA in servizio, senza una adegata considerazione dei carichi lavorativi e di un effettivo riconoscimento della professionalità anche sotto il profilo contrattuale.