Posti potenziato: indicazioni contraddittorie dell’Amministrazione!

Categorie: , , | 14-12-2015

Riportiamo, in allegato, la direttiva con cui l’Ufficio scolastico regionale  del Veneto ha impartito disposizioni circa la copertura dei posti rimasti vacanti dopo le operazioni di assunzione in ruolo di cui alla fase C, tenutesi come é noto tra il 24 e il 28 novembre .

Molti aspiranti infatti hanno differito per cui posticiperanno la loro assunzione in servizio al 1° luglio o al 1° settembre 2016. Parecchi posti quindi comuni o di sostegno sono rimasti vacanti e andranno coperti con supplenze fino al 30 giugno con possibilità di proroga al 31 agosto. Di seguito evidenziamo alcuni aspetti delle disposizioni regionali.

Secondo le disposizioni dell’Amministrazione regionale i posti di sostegno dovranno essere coperti unicamente da aspiranti in possesso del titolo di specializzazione, ad oggi in numero insufficiente rispetto ai posti da coprire.

In caso di mancata copertura del posto del vicario in esonero o semiesonero, il supplente dovrà essere nominato dalla stessa classe di concorso del vicario.

Le frazioni di posti dell’organico potenziato che residuano in seguito a stipula di contratto in regime di part-time, saranno coperte con supplenze fino al 30 giugno.

Per consentire il completamento orario ai supplenti in servizio con orario inferiore a cattedra, potranno essere frazionati i posti dell’organico potenziato non ancora coperti.

Anteposta in ordine di tempo a questa intricata direttiva regionale, è uscita anche una nota provinciale che, a tutela della continuità, permette al docente che ha accettato il ruolo in fase C nello stesso istituto in cui prestava supplenza, di restare nella posizione di insegnamento (classe) ad esso già assegnata.

La continuità didattica é senz’altro un elemento qualitativo che va preservato, peccato che il posto del potenziato non effettivamente occupato, non potrà a sua volta essere coperto da supplenza, lasciando le scuole nell’oneroso compito di coprire supplenze ed effettuare attività di potenziamento con “docenti fantasma”.

La Buona scuola, legge 107 non smette di propinarci falsi abbagli nascondendo il reale bieco intento del risparmio di spesa.

 

allegati: