CORONAVIRUS: per la Scuola interventi specifici e non soluzioni improvvisate!

Categorie: , , , | 13-03-2020

Segnaliamo all’attenzione del personale scolastico il comunicato sindacale, di cui raccomandiamo la lettura, con cui la CISL SCUOLA unitamente alle altre sigle di comparto,  ha puntato l’attenzione sul rispetto degli obblighi determinati dal Governo per limitare allo stretto indispensabile l’accesso a servizi pubblici la cui erogazione è assicurata solo per quanto riguarda beni di prima necessità.

In questo contesto sono collocati anche gli istituti scolastici, per i quali è in atto come è noto la sospensione delle attività didattiche  fino al 3 aprile prossimo.

E’ utile ricordare che fino a tale data infatti:

– sono state sospese per il personale docente tutte le riunioni di organismi collegiali, dovendosi evitare assembramenti per i quali risulterebbe problematico garantire il rispetto del necessario distanziamento

– per quanto riguarda le attività di insegnamento, esse continuano a essere svolte , solo laddove  ne sussistano le condizioni, gli strumenti e il concreto possibile  coinvolgimento degli alunni con modalità di didattica a distanza, che per il personale docente non costituisce obbligo contrattuale e alla  quale è possibile  provvedere nei tempi e con la strumentazione di cui si dispone  a domicilio, senza alcun vincolo di diretta presenza nei locali scolastici.

Per il personale ATA valgono le medesime restrizioni e pertanto va previsto un impiego contingentato e limitato numericamente allo stretto necessario, funzionale a concreti adempimenti di servizio, considerato che è a rischio la salute stessa dei lavoratori coinvolti, la cui tutela riveste carattere prioritario.

Le Organizzazioni sindacali hanno altresì rivendicato che “Stante la situazione, appare del tutto inopportuno fare decorrere le normali procedure amministrative, propedeutiche all’avvio del nuovo anno scolastico, come se l’attuale fosse un contesto di ordinaria amministrazione. In un’emergenza di queste proporzioni servono provvedimenti d’urgenza: occorre un intervento legislativo specifico per evitare che l’attuale “navigazione a vista”  porti a conseguenze ancora più gravi che avrebbero certamente ripercussioni sul regolare avvio dell’anno scolastico.”

allegati:

Comunicato sindacale unitario EMERGENZA-SCUOLA