Decreto Scuola: molti annunci ma ancora nessun testo!

Categorie: , , , , , , | 07-04-2020

Contrariamente al ritmo accelerato di decretazione a cui l’emergenza Covid-19  ci ha purtroppo tristemente purtroppo, al momento dell’annunciato “Decreto Scuola”, ossia di quel provvedimento che dovrebbe decidere il destino del corrente anno scolastico con particolare riguardo a esami di maturità e del primo ciclo,  non esiste ancora un testo che consenta di esprimere una valutazione nel merito sulle scelte del Ministro.

Evidenziando ancora una volta che sulle scelte ministeriali é mancato in modo grave il confronto ripetutamente chiesto dalla CISL SCUOLA e dalle altre Organizzazioni sindacali, al momento possiamo in attesa delle disposizioni, sapendo che anche recentemente alcune attese hanno avuto una ricaduta concreta diversa, possiamo  misurare solo gli annunci:

Molto in sintesi quindi il provvedimento dovrebbe secondo le bozze presenti in rete:

– garantire la promozione generalizzata, a prescindere dall’effettivo rientro in classe nel corso del corrente anno;

-l’ammissione di tutti gli studenti all’esame di maturità, il cui programma sarà alleggerito anche se sostenuto in presenza, o che diversamente potrà risolversi con un colloquio strutturato a distanza;

-recupero di eventuali debiti formativi ipotizzato nel mese di settmbre;

-gli esami conclusivi del primo ciclo che laddove non sostenuti in presenza, saranno sostenuti attraverso la redazione a distanza di un elaborato da parte degli alunni che poi sarà recapitato agli Istituti a mezzo posta;

– riduzione a 7 giorni dei termini per l’acquisizione del parere obbligatorio del CSPI per il bando dei Concorsi;

-la proroga della validità delle attuali graduatorie d’Istituto, rinviandone l’aggiornamento, con tutto ciò che ne consegue,  al 2021;

– l’introduzione del discutibile obbligo alla video-lezione rinviando genericamente ad una futura disciplina contrattuale, con attuali costi e ricadute su sicurezza e salute sul personale docente;

-4500 assunzioni a sui posti liberati dai pensionamenti quota 100 e non resi disponibili per le nomine in ruolo 2019.

Nulla o molto poco in termini contenutistici pare esserci per una attenta definizione degli aspetti legati alla valutazione, tema su cui si sta concentrando in questi giorni l’attenzione e la non facile riflessione del personale docente.

Se queste saranno effettivamente i contenuti delle misure, rinnoviamo al Ministro l’invito al confronto per ricercare risposte condivise e effettivamente intelligenti di cui la Scuola ha oggi un gran bisogno.