Docenti precari, stabilizzare anche quelli non GAE. Sit in al MIUR il 17 febbraio

Categorie: , , , , , | 31-01-2015

Il Governo dice di voler eliminare il precariato dei docenti, ma la sua proposta, rivolta esclusivamente a chi è nelle GAE, non è risolutiva del problema, in quanto sono moltissimi i precari che insegnano da anni pur non essendovi inclusi. Anche per loro, in base ai principi affermati nella sentenza della CGE, si deve procedere a una stabilizzazione del rapporto di lavoro, con un’assunzione a tempo indeterminato.
Questa è la richiesta che la CISL Scuola, insieme a FLC CGIL e UIL SCUOLA, avanza formalmente al Governo e su cui manifesterà davanti al Ministero dell’Istruzione di viale Trastevere nella giornata di martedì 17 febbraio.
Un sit-in per richiamare l’attenzione sui limiti di una proposta – quella contenuta nel rapporto Buona Scuola – di cui si chiedono pertanto le necessarie modifiche.
Un’iniziativa circoscritta al tema delle assunzioni del personale docente, ma che si colloca nel contesto di un impegno più generale che da tempo la CISL Scuola e le altre sigle stanno portando avanti, rivendicando una politica di stabilizzazione del lavoro che deve riguardare necessariamente tutti i profili operanti in ambito scolastico, ivi compresi quelli dell’area ATA.