Domani incontro decisivo per scatti d’anzianità e posizioni economiche ATA

Categorie: , , , , , | 27-01-2014

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del  Decreto Legge sugli scatti di anzianità, vanno compiuti rapidamente i passaggi tecnici per ripristinare le posizioni stipendiali del personale.

La  CISL SCUOLA, già a partire dall’incontro di domani presso il MIUR, sosterrà con ferma convinzione la  necessità di accelerare i tempi della trattativa all’ARAN, per chiudere definitivamente la partita del 2012. Bene ha fatto, il Ministro a spiegare in Senato che la vicenda scatti è complicata da risolvere perchè si sono tolte risorse alla scuola.

Peccato che i dati diffusi si prestino troppo facilmente a letture distorte, secondo le quali il sindacato diventerebbe colpevole di sottrarre fondi destinati alle “attività aggiuntive in favore degli alunni”.  Sono accuse inaccettabili che come  CISL SCUOLA respingiamo con forza: è l’azione di taglio dei precedenti Governi che ha tolto risorse alla Scuola mettendola in difficoltà e non chi cerca di tutelare le retribuzioni del personale docente e ATA. Dev’essere chiaro a tutti che le risorse del MOF sono salario dei lavoratori.

Con altrettanta determinazione e negli stessi termini verrà posta al Ministro anche la questione delle posizioni economiche del personale ATA e della retribuzione dei dirigenti, sulle quali  sono già state  proclamate azioni di lotta. E’ infatti fuori dal mondo pensare che il personale ATA possa restituire i soldi avuti per il lavoro già svolto; questo sarebbe un vero e proprio furto che la CISL SCUOLA si impegna a contrastare anche ricorrendo, qualora necessario, all’avvio del contenzioso.

Come CISL SCUOLA ricordiamo inoltre che le posizioni economiche sono legate allo svolgimento di attività importanti, e che cancellarle significa fare un danno alla scuola, all’efficacia della sua azione sul versante formativo e organizzativo.

L’incontro di domani diventa a questo punto cruciale. In mancanza di risposte adeguate sarà inevitabile assumere nuove e più decise iniziative di mobilitazione.