Dpcm 1 marzo: contenuti ed effetti della prorogata sospensione delle attività educative e didattiche!

Categorie: , , , , , , , , , , , | 01-03-2020

Come già annunciato é stato pubblicato oggi da poco l’atteso Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che dispone la proroga delle chiusura alla frequenza scolastica degli alunni con conseguente sospensione delle attività educative e didattiche sino al prossimo 8 marzo.

Il recente provvedimento del Governo disciplina altresi modalità di intervento contenitivo diversificato su almeno 3 livelli, con previsioni restrittive e di chiusura completa limitate ai soli Comuni colpiti dal contagio, nonostante a differenza dalla scorsa settimana siano comparsi in misura crescente casi di contagio conclamato in un numero zone più ampio, compresa la nostra provincia.

Da una prima lettura dell’odierno Decreto si evince che a partire da domani 2 marzo diversamente dalla scorsa settimana, fatta salva anche la disponibilità di soluzioni disinfettanti per l’igiene delle mani da rendere disponibili anche agli addetti in servizio, il personale ATA riprenderà la presenza in servizio mentre il personale docente continuerà ad essere esentato dalla presenza.

Evidenziamo che il Dpcm 1 marzo 2020 oltre a confermare le misure già precedentemente attivate dal Governo in materia di Istruzione(blocco gite e viaggi, certificato per riammissione dopo malattia,…) precisa che per l’attivazione della modalità “didattica a distanza”  va sentito e acquisito il parere del Collegio docenti, salvo che quest’ultimo possa effettivamente riunirsi considerate le numerose restrizioni su cui ha vigilanza la Prefettura territorialmente competente.

allegati:

– DPCM 1 marzo 2020 misure urgenti per contenimento contagio da coronavirus

– DPCM 1.3.202o – testo con evidenze Scuola