Fondo per il funzionamento: criteri di assegnazione alle scuole

Categorie: | 15-10-2015

Si è svolto presso il  Miur  un incontro di informativa sui contenuti del nuovo decreto ministeriale che modifica il D.M. 21/2007 sui criteri di assegnazione alle scuole del Fondo per il funzionamento. Il decreto ministeriale in questione sarà emanato in data odierna , in applicazione del comma 11 della  legge 107 che fissa  il termine entro 90 dalla entrata in vigore della legge. I nuovi criteri di ripartizione del Fondo entreranno in vigore nel prossimo anno scolastico 2016/2017 utilizzando le risorse aggiuntive previste dalla stessa legge 107 che, al comma 25, prevede dal 2016 un incremento di 123,9 milioni che diventano 126 dal 2017 fino al 2021.

Si ricorda che, per l’anno scolastico in corso il Miur, con la nota sul Programma annuale inviata in data 11 settembre alle scuole, ha provveduto ad assegnare le risorse relative al periodo settembre/dicembre 2015 e a comunicare preventivamente l’ammontare delle risorse che saranno assegnate per il periodo gennaio/ dicembre 2016.

Salvo le valutazioni che l’Amministrazione si è riservata di fare anche a seguito delle osservazioni emerse nel corso dell’incontro, le novità in merito ai criteri di ripartizione del Fondo saranno i seguenti:

– La quota base per ogni scuola sarà portata a circa 2.000 per tutte le istituzioni (ad oggi sono previsti 1.100 euro per i circoli didattici e 2.000 per gli istitui agrari);

– La quota aggiuntiva per ciascun plesso sarà per tutti pari a 200 euro;

– La quota per alunno sarà ancora differenziata per tipologia di scuola ma incrementata per tutti;

– La quota per alunno disabile passerà da 12 a 15 euro;

– Sarà prevista una quota, se pur modesta, per ogni classe quinta della secondaria di secondo grado per le spese degli esami di stato;

– I CPIA , non previsti all’epoca del D.M. 21/2007, sono classificati come gli Istituti comprensivi e quelli omnicomprensivi ai fini della classificazione per complessità;

– Gli istituti di II grado sono riclassificati rispetto al D.M. 21 tenendo conto della riforma ordinamentale e classificati per complessità in base alla presenza dei laboratori (la Cisl Scuola ha chiesto di considerare i corsi “ex serali”  come elemneto di ulteriore complessità ) .

Il decreto prevede anche i criteri per l’assegnazione alle scuole secondarie di II grado dei fondi ( 100 milioni di euro) che la legge 107 al  comma 39 destina all’Alternanza scuola -lavoro ripartendole tra le scuole ai sensi del comma 11.

Le risorse , disponibili a partire da gennaio 2016 saranno pertanto assegnate alle scuole in misura pari agli otto/ dodicesimi del totale di 100 milioni pari dunque a circa 66 milioni per l’a.s. 2015/2016.In considerazione del diverso impegno orario da destinare all’alternanza nei licei rispetto ai tecnici e professionali ( 200 ore gli uni, 400 ore gli altri ) il Miur prevede di assegnare le risorse sulla base del numero degli studenti coinvolti nelle classi interessate ( II biennio e ultimo anno )  con una assegnazione per alunno pari 58,82 euro per i tecnici e i professionali e 29,41 euro per i licei.