Graduatorie: scelta Miur, non risolve i problemi !

Categorie: , , , | 22-04-2011

L’aggiornamento delle Graduatorie ad esaurimento, sembra profilarsi come l’ennesima occasione mancata, per individuare un’organica ed equa soluzione ai problemi dei docenti precari.     

Nel corso dell’incontro tenutosi ieri tra MIUR e Organizzazioni Sindacali è stata presentata la bozza di decreto ministeriale per l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento del personale docente per il biennio 2011/12-2012/13. Il Ministero, in assenza di interventi legislativi e modificando l’orientamento espresso in precedenti incontri, ha predisposto il decreto sulla base dei seguenti criteri:

– possibilità di inclusione limitata ad una sola provincia (ad eccezione di coloro che risultino ancora inseriti nella prima fascia)

– possibilità di scegliere liberamente la provincia di inclusione, con inserimento a pettine.

Un ulteriore incontro, dedicato all’esame di eventuali proposte di integrazione e modifica del testo, è già stato fissato per il prossimo 28 aprile.

Nel corso dell’incontro è emersa inoltre da parte del MIUR l’intenzione di accelerare al massimo i tempi di emanazione del decreto, al fine di poter redigere le graduatorie aggiornate in tempo utile per le operazioni di assunzione a tempo indeterminato e determinato. In tale ottica è stata pertanto confermato che la presentazione delle domande avverrà, come negli anni scorsi, in modalità “cartacea” ;la modalità on line verrà utilizzata solo per la scelta delle scuole nell’ambito dell’aggiornamento delle graduatorie di circolo e di istituto.

Accanto alle procedure di aggiornamento, sono stati presentati altri interventi orientati alla soluzione delle criticità che accompagnano la complessa e controversa vicenda delle Graduatorie ad esaurimento. In base a quanto comunicato, il Ministero sta elaborando un provvedimento legislativo d’urgenza, in base al quale verrebbe disposto:

– un più consistente obbligo di permanenza nella provincia di assunzione a tempo indeterminato, oggi fissato per legge a tre anni (eventuale innalzamento ad almeno cinque);

– la periodicità triennale, e non più biennale, delle procedure di aggiornamento delle graduatorie;

– lo spostamento dal 31 luglio al 31 agosto del termine per l’effettuazione delle assunzioni da parte degli Uffici scolastici;

– un’integrazione alla normativa di adeguamento alle direttive europee in materia di stabilizzazione dei rapporti di lavoro che escluda tale obbligo per i contratti relativi a supplenze su posto non vacante;

– un piano di assunzioni a tempo indeterminato che si orienti all’obiettivo di coprire con personale di ruolo tutti i posti vacanti e disponibili (quelli coperti attualmente con supplenze annuali).

La CISL Scuola ha denunciato come la soluzione individuata dal MIUR, sia destinata a riproporre ulteriori ragioni di contenzioso e ad alimentare preoccupazione e disagio per tutti coloro, che vedono rimesse in discussione legittime aspettative di “accesso al ruolo” da tempo consolidate.

Per ulteriori e maggiori dettagli sui contenuti dell’incontro, clicca qui e leggi la notizia direttamente dal sito nazionale della CISL Scuola.

Pubblichiamo, in allegato, il comunicato del Segretario Generale, Francesco Scrima, che riassume efficacemente le valutazioni politiche generali espresse nell’ambito del confronto Ministeriale

Allegato: