INACCETTABILI MISURE PUNITIVE SUL LAVORO PUBBLICO !

Categorie: , , , , | 15-08-2011

La CISL Scuola, alla luce di quanto disposto dal decreto legge 138/2011(Manovra per la stabilizzazione finanziaria)pubblicato recentemente in Gazzetta Ufficiale,  ribadisce con forza la propria contrarietà alle misure introdotte, che ancora una volta penalizzano i lavoratori del pubblico impiego. 

Inaccettabile il persistente attacco al Lavoro Pubblico e ai suoi valori, già duramente provati da pesanti interventi di riduzione della spesa pubblica(ad esempio gli oltre 8 miliardi sottratti alla Scuola negli ultimi tre anni).  

In particolare contestiamo le nuove norme introdotte sul prolungamento dei tempi di pagamento delle liquidazioni per chi va in pensione per anzianità, la minaccia di rinviare il pagamento delle tredicesime qualora non si raggiungano gli obiettivi di efficienza, la previsione di una mobilità estesa in ambito regionale. Tali ulteriori provvedimenti fanno emergere, ancora una volta di più, l’evidente accanimento punitivo sui lavoratori, le cui retribuzioni, in assenza di rinnovi contrattuali, sono rimaste sui valori del 2009.

In un comunicato stampa congiunto, la Cisl Scuola chiede sostanziali modifiche al testo di legge per ripristinare le indispensabili condizioni di equità che la Manovra, così come pubblicata, non assicura.

Ulteriori approfondimenti sull’argomento direttamente dal sito nazionale della CISL SCUOLA