Approvata dal Parlamento “La SCUOLA alla BUONA” del Governo

Categorie: , , , , , | 10-07-2015

Nonostante la dura protesta che martedì scorso ci ha visto protagonisti come CISL SCUOLA VERONA e del Veneto a piazza Montecitorio, ieri la Camera ha approvato il testo di Legge di “riforma” del sistema scolastico proposta dal Governo.

Come CISL SCUOLA riteniamo che in modo irresponsabile la politica e il Parlamento abbiano scritto una delle pagine più brutte della storia della Scuola italiana.  Il testo approvato a colpi di fiducia, sacrificando il valore come bene collettivo della Scuola alla tenuta politica del governo , é un provvedimento pessimo che anziché porre rimedio alle questioni aperte sulla Scuola e la cui soluzione da tempo viene rimandata, introduce ulteriori elementi di problematicità in un sistema già piegato dai numerosi tagli alle risorse e all’organico docente e ATA susseguitisi negli anni per effetto di discutibili scelte politiche e per effetto delle misure di contenimento della spesa pubblica collegate alla crisi economica del Paese.

Il nostro giudizio sul provvedimento rimane dunque  pesante sia per i contenuti, sia per il modo in cui è stato gestito il percorso che ha condotto alla sua approvazione. Al  Governo l’onere di assumersi la grave responsabilità del mancato confronto col mondo della Scuola, di cui ha voluto trascurare irragionevolmente il grande patrimonio di idee, competenze, esperienze, professionalità.

Per queste ragioni come la nostra mobilitazione, che ha saputo fin qui coinvolgere tanti lavoratori, al di là delle differenti opinioni, sensibilità e appartenenze, non finisce e come CISL SCUOLA unitamente alle altre sigle sindacali, continueremo a dare battaglia e anche a settembre con la ripresa delle attività didattiche metteremo in essere tutte le iniziative di contrasto possibili a questo miope progetto di “Cattiva Scuola” che ha ottenuto la fiducia in Parlamento.

Non ci rassegneremo mai  ad una idea di scuola dirigista , non collegialmente e democraticamente partecipata, ma e continueremo con il personale docente, educativo e Ata a difendere quel bene comune e la qualità dell’offerta formativa che la Scuola rappresenta per chi ci lavora, per chi la frequenta  e per il Paese!