LA SCUOLA VERONESE SI FERMA per dare segnale al Parlamento

Categorie: , , , , , , , , , | 16-05-2015

Il prossimo 19 maggio, nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione e contrasto rispetto ai contenuti del DDL Buona Scuola, nelle scuole di Verona e provincia si terranno assemblee unitarie che chiameranno il personale docente, educativo e Ata a raccogliersi per riflettere sulle assai discutibili e per gran parte inaccettabili proposte del Governo di riforma della Scuola e per ribadire la richiesta di sostanziali modifiche al testo di legge, rispetto alle quali la é iniziata ieri la discussione parlamentare.

Sarà un’occasione per lanciare un  segnale inequivocabile di forte dissenso alla Camera che nello stesso giorno sarà chiamata a votare gli emendamenti su alcuni dei passaggi più delicati del provvedimento, quali le assunzioni del personale precario e la valutazione della premialità al merito del personale, che il Governo considera colpevolmente di definire solo per il personale docente  escludendo da entrambe le disposizioni il personale ATA, a nostro avviso non meno precario e non meno meritevole.

Invitiamo il personale docente e ATA a partecipare numeroso alle assemblee, di cui riportiamo in allegato la convocazione,  anche per far arrivare attraverso il conseguente stop delle attività le prime due ore di lezione un significativo messaggio di sensibilizzazione  all’opinione pubblica e alle famiglie a cui il Governo nasconde i tagli impliciti all’offerta formativa e al diritto allo studio dei loro figli e delle generazioni future, contenuti nelle proposte di riforma del sistema scolastico.

 

allegati: