Legge di Bilancio : tutti gli interventi e le novità per la Scuola

Categorie: , , , , , , , , | 03-01-2022

Riportiamo a seguire una scheda di sintesi, di facile consultazione, sulle novità introdotte dalla Legge N. 234/2021 o altrimenti nota come Legge di Bilancio per l’anno 2022.

Tra i principali interventi normativi che riguardano il personale della Scuola evidenziamo:

riduzione tassazione IRPEF (art 1 commi da 2 a 4), viene eliminata una fascia di reddito, portando gli scaglioni di tassazione dagli attuali 5 a 4 aliquote con la fascia di reddito fino a 15mila euro resta al 23%, quella compresa tra 15mila e 28mila euro passa dal 27% al 25% ( fascia che riguarda la maggior parte del personale della scuola), lo scaglione 28-50mila cambia aliquota dal 38% al 35%; infine, oltre i 50 mila euro di reddito si passa direttamente al 43%;

rimodulazione detrazioni d’imposta (art 1 commi da 2 a 4) previste per il lavoro dipendente, da 25.000 a 35.000 l’importo della detrazione si incrementa di 65 euro, mentre per i redditi tra i 15.000 e i 28.000 euro continua ad essere riconosciuto il trattamento integrativo fino a un massimo di 1.200 euro a condizione che la somma complessiva delle detrazioni sia superiore all’imposta lorda;

pensioni (art 1 commi da 87 a 94) nuova  quota 102 sostituisce(anzianità anagrafica di 64 anni e contributiva di 38 anni, entrambi da conseguirsi nell’anno 2022),  l’APE Sociale viene estesa fino al 31 dicembre 2022 con l’inclusione dei docenti della scuola primaria in aggiunta ai già presenti docenti della scuola dell’infanzia, opzione donna con requisiti(35 anni di contributi e 58 anni di anzianità) maturati entro il 31/12/2020;

– organico COVID(art 1 comma 326) proroga dei contratti covid fino al termine delle lezioni, anche per il personale ATA;

valorizzazione della professione docente (art 1comma 327), incrementato di 30 milioni per ciascuno degli anni 2020 e 2021 e di 300 milioni di euro a decorrere dall’anno 2022, il fondo già utilizzato in occasione del precedente rinnovo contrattuale (2016/2018) per finanziare l’incremento della retribuzione professionale docenti(RPD);

Livelli Essenziali delle Prestazioni(LEP) servizi educativi per l’infanzia (art 1 Commi da 172 a 173), aumentato l’apposito fondo finalizzato all’incremento del numero dei posti nei servizi educativi per l’infanzia sino al raggiungimento del numero minimo che ciascun comune è tenuto a garantire, il cui livello minimo è fissato nel 2027 al 33% della  popolazione comunale o del bacino territoriale ricompresi i servizi privati;

Educazione motoria nella scuola primaria (art 1 commi da 329 a 338) viene introdotto gradualmente l’insegnamento a partire dalle classi V per l’anno scolastico 2022/23 e dalle classi IV per l’anno scolastico 2023/24 nel limite delle risorse stanziate, prevedendo l’accesso a tale insegnamento mediante il superamento di procedure concorsuali abilitanti da emanarsi entro febbraio 2022, a cui potranno partecipare coloro che sono in possesso di laurea(LM-67 o LM-68 o LM-47) o di titoli di studio equiparati ai sensi del D.M.9 luglio 2009, unitamente al possesso di 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.

dimensionamento rete scolastica (art 1 comma 343) viene prorogata anche agli anni scolastici 2022/23 e 2023/24 la disposizione introdotta nel corrente a.s. che riduce da 600 a 500 unità, il numero minimo di alunni necessario per l’attribuzione alle istituzioni di un Dirigente Scolastico e di un Dsga;

riduzione numero alunni per classe (art 1 commi da 344 a 347), viene prevista, nel limite delle risorse strumentali e finanziarie e della dotazione organica di personale scolastico disponibili a legislazione vigente, la possibilità di istituire classi in deroga ai limiti previsti dal DPR 81/2009 al fine di rendere efficace il diritto all’istruzione degli studenti svantaggiati collocati in classi prossime o superiori ai limiti stabiliti;

-il vincolo permanenza DSGA neoassunti(art 1 comma 957) nella sede di prima destinazione dei Dsga vincitori di concorso, viene ridotto da 5 a 3 anni scolastici.

 

allegati:

Scheda  Legge_di_Bilancio_2022