MIUR: il nuovo Ministro Azzolina e i primi 10 punti di lavoro

Categorie: , , , | 11-01-2020

Prosegue il processo di formale avvicendamento alla guida del MIUR con i tempi cadenzati del protocollo che le emergenze della Scuola non possono attendere.

Il nuovo Ministro Lucia Azzolina ha infatti recentemente giurato avanti al Presidente della Repubblica, indicando e lanciando da subito in rete le prime 10 priorità di lavoro e intervento del suo mandato, di cui riportiamo a seguire una sintesi:

  1. Concorsi per gli insegnanti Avvio da subito dei 4 bandi di Concorso per la scuola dell’infanzia e primaria, per la secondaria (ordinario e straordinario), per i docenti di religione
  2. Elaborazione dei provvedimenti attuativi del decreto scuola con priorità al nuovo regolamento per velocizzare la chiamata dei supplenti e al decreto per consentire di poter andare a insegnare volontariamente anche in un’altra regione diversa dalla propria, a coloro che ambiscono al ruolo e al contratto a tempo indeterminato fin da subito.
  3. Rinnovo CCNL apertura ci un tavolo di confronto urgente;
  4. Ripresa veloce di un nuovo ciclo di formazione del personale docente per il conseguimento della specializzazione su sostegno e attuazione delle disposizioni del decreto legislativo 66/17 sull’ inclusione.
  5. Entro la fine del mese di gennaio, scadenza che il Ministro da per rispettata, pubblicazione delle materie della seconda prova  per gli esami di Stato della scuola secondaria di secondo grado; revisione con maggiore sintesi e semplificazione del testo dell’ordinanza sugli Esami restituendo alle commissioni uno strumento più chiaro e chiarimenti sulle ultime novità annunciate come la scomparsa delle buste all’ orale.
  6. Redazione della Linee Guida sull’ Educazione civica al fine di dare alle scuole la necessaria chiarezza applicativa;
  7. Riduzione dei tempi per le procedure di spesa e utilizzo dei fondi per l’edilizia scolastica.
  8. Attivazione di un tavolo sull’ innovazione didattica con il coinvolgimento di docenti e dirigenti esperti con l’intento di valorizzare le buone prassi già presenti negli Istituti e portarle a sistema.
  9. Valorizzazione di tutto il personale con priorità al tema della formazione dei dirigenti, dei docenti, ma anche del personale ATA sempre troppo poco considerato.
  10. Avvio da subito di processi di sburocratizzazione per semplificare quelle pratiche che rendono difficile la vita quotidiana di dirigenti e segreterie scolastiche.

Come CISL SCUOLA Verona registriamo positivamente il rinnovato slancio con cui il Ministro sembra aver dato avvio al proprio mandato, ci riserviamo però di valutare nel merito la concretezza operativa di quanto annunciato a partire dalle adeguate risposte alla richiesta di immediato confronto sindacale.