Mobilita’ annuale: salta la firma del contratto !

Categorie: , , , , | 20-07-2011

Il CCNI sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie non è stato firmato dalle OO.SS. dopo che la Funzione Pubblica, nell’ambito della procedura di verifica, non ha ammesso a certificazione gli articoli che riguardano le modalità di assegnazione del personale ai plessi e alle sedi staccate (artt. 4 e 15), le modalità di copertura dei posti vacanti e/o disponibili di DSGA (art. 11 bis) e le attività di formazione finalizzate alla riconversione professionale (art. 21). Riguardo a ciascuno dei suddetti articoli, la Funzione Pubblica sostiene che, quanto disposto dagli stessi, leda le prerogative di autonoma determinazione del Dirigente Scolastico o dell’Amministrazione.

Le organizzazioni sindacali, dopo attenta valutazione e discussione,  sono pervenute alla decisione di non firmare il contratto nella sua versione “mutilata” di parti che sono da mesi al centro di un aspro contenzioso che vede messe in discussione prerogative negoziali irrinunciabili.

Si è voluto in questo modo rappresentare fermamente il dissenso per un intervento “a gamba tesa” della Funzione Pubblica, che assumendo un’atteggiamento irresponsabile, interviene con inaccettabili diktat su un’ipotesi di intesa sottoscritta anche dalla parte pubblica, e lo fa proprio nel momento in cui all’ARAN si apre il confronto per definire un accordo quadro sulla regole della contrattazione.

La mancata firma del Contratto, che per noi significa tenere aperto il tavolo per cercare soluzioni che diano risposta ai rilievi della Funzione Pubblica in termini che non potranno comunque essere di supina accettazione.Nell’immediato la situazione venutasi a creare, impone all’Amministrazione il compito di adottare con atti propri le disposizioni necessarie a garantire il regolare svolgimento delle operazioni di utilizzazione e assegnazione provvisoria, nelle more di una eventuale futura intesa che possa essere firmata e ammessa a registrazione.

E’ ipotizzabile che i provvedimenti (DDG o DM) siano assunti entro i prossimi due giorni; conseguentemente le scadenze per la presentazione delle domande potrebbero subire uno slittamento di un paio di giorni rispetto a quelle precedentemente ventilate.