Mobilità: CCNI in dirittura d’arrivo, ma senza sconti per il Governo!

Categorie: , , | 06-02-2016

Prosegue senza sosta il confronto presso il  Miur, per la definizione del nuovo CCNI sulla Mobilità. Numerosi e positivi i passi in avanti che è possibile registrare rispetto alle posizioni iniziali dell’Amministrazione, che si sostanziano principalmente nella possibilità di effettuare trasferimenti  provinciali secondo le vigenti disposizioni contrattuali per il personale titolare da tempo e neo assunto fase 0 e A mentre il movimento su “ambito territoriale”, a fronte della rimozione degli attuali vincoli triennali per la mobilità da diverse  province, rimarrebbe limitato ai trasferimenti interprovinciali e ai movimenti provinciali del personale neo assunto in fase B e C secondo quanto riportato nella scheda allegata.

Rimangono comunque aperte e da definire due questioni:

– la possibilità di esprimere, all’interno della prima preferenza di ambito nei trasferimenti interprovinciali per gli assunti entro il 2014/2015, l’ordine di assegnazione della scuola di titolarità tra quelle comprese nell’ambito;  su tale questione come CISL SCUOLA abbiamo fortemente richiesto che venga data possibilità al personale docente di indicare l’ordine puntuale di preferenza tra le scuole, mentre il Ministero vorrebbe consentire di esprimere solo una sola preferenza di scuola e, in caso di non ottenimento, assegnare il personale alle altre secondo l’ordine degli istituti come da bollettino ufficiale.

– consentire per tutte le fasi di movimento, vecchie e nuove, l’espressione della preferenza puntuale per i posti speciali, i posti ad indirizzo didattico differenziato, i posti in ospedale e nelle carceri, i posti di istruzione per gli adulti e i posti serali; anche su questo punto come CISL SCUOLA abbiamo ribadito la necessità per il personale di poter esprimere con puntualità la tipologia di posto per la futura assegnazione, registrando da parte Ministero una riserva rispetto alla decisione su tale possibilità.

Pe quanto riguarda la tabella dei punteggi , si sono discusse e ormai portate a matura definizione le seguenti modifiche da introdurre

nella tabella dei trasferimenti:

– punti 1     per  CLIL di corso di perfezionamento con certificazioni  di livello C1

– punti 0,5  per  CLIL  senza certificazione C1 ma che avendo svolto la parte metodologica è in possesso dell’attestato di frequenza e superamento dell’esame finale del corso di perfezionamento.

 

e nella tabella dei passaggi per la mobilità professionale:

– per  CLIL  stessi distinti punteggi definiti per i trasferimenti

– punti 6 anziché gli attuali 5  per il dottorato di ricerca e per ulteriore laurea oltre il titolo di accesso

 

La trattativa si sta ora concentrando sulla  parte riguardante il personale educativo, con una sostanziale conferma delle disposizioni contenute nel precedente CCNI Mobilità,  e il personale ATA .

La chiusura del confronto con la sottoscrizione del nuovo CCNI è ipotizzabile per la metà della prossima settimana.  Una trattativa difficile che come CISL SCUOLA abbiamo ritenuto doveroso  portare avanti negli interessi di tutto il personale docente, educativo e ATA, che abbiamo fortemente voluto e condotto con fermezza senza fare sconti al Governo, limitando le ingerenze della Legge 107/2015 e le conseguenti pesanti ricadute sul personale.

 

allegati:

Scheda CISL SCUOLA mobilità 16_17