Nuove immissioni i ruolo per 33.380 tra docenti e ata

Categorie: , , , , | 01-08-2014

Nell’incontro del 30 luglio 2014, il MIUR ha comunicato che è imminente l’autorizzazione da parte del MEF per l’assunzione in ruolo di 33.380 tra docenti e ata per l’a.s. 2014/2015:
– 15.439 unità di personale docente e educativo/
– 13.342 unità di personale docente di sostegno
– 4.599 unità di personale ATA

L’autorizzazione del MEF si riferisce solo al turn over per il personale docente educativo e ATA e alla quota di posti di sostegno pari alla seconda tranche di incrementi previsti per il 2014/15 dal DL 104/2013.  In percentuale le prossime assunzioni coprono solamente il 58% dei posti disponibili per il personale docente e educativo, l’82% dei posti di sostegno e il 51% dei posti ATA. La richiesta presentata dal MIUR si riferiva, infatti,  a complessivi 51.693 posti suddivisi in 25.472 posti docenti e personale educativo, 16.305 posti di sostegno e 8.916  posti di personale ATA. Tale ammontare si riferiva all’intera disponibilità di posti vacanti.
Il confronto è stato aggiornato al pomeriggio di martedì 5 agosto, quando si avrà la presentazione del riparto per ordine e grado di scuola e per provincia relativamente al personale docente ed educativo e al sostegno.
Per il personale ATA è necessario attendere la conclusione delle procedure di mobilità.

Con queste nuove immissioni in ruolo arriva una prima importante risposta alle pressanti richieste che la Cisl Scuola da tempo stava avanzando insieme alle altre organizzazioni sindacali. E’ un fatto positivo ma non sufficiente in quanto i posti ricoperti ammonteranno solamente al 65% dei posti vacanti. Inoltre i tempi ristretti per lo svolgimento di tutte le operazioni renderanno difficoltoso il regolare avvio dell’anno scolastico.

Ribadiamo da sempre come dal processo di stabilizzazione ne tragga vantaggio tutto il sistema scolastico e non solamene i lavoratori direttamente interessati. Auspichiamo, pertanto, che il MEF dia seguito anche all’ulteriore richiesta per la copertura di tutto il contingente vacante senza perpetuare la dannosa e inaccettabile richiesta di rimettere mano ai trattamenti economici del personale, allungando ulteriormente il tempo di attesa per il primo scatto di stipendio. Una proposta che non siamo disponibili ad accettare.