Organico aggiuntivo: contratti a tempo e posti insufficienti per docenti e ATA!

Categorie: , , , , | 01-08-2020

Si è recentemente svolto presso il Ministero l’incontro con le Organizzazioni Sindacali del comparto Istruzione riguardante l’analisi dei contenuti dell’Ordinanza con la quale verrà realizzata e disciplinata la distribuzione delle risorse individuate dal Decreto Rilancio nello specifico Fondo per l’emergenza Covid 19 e destinate alle misure di cui dall’art.231-bis dello stesso Decreto.

Si tratta di 377,6 milioni di euro per il 2020 e 600 milioni di euro per il 2021 finalizzati all’assunzione assumere con contratto a tempo determinato i docenti e le unità di personale ata, necessarie per far fronte alle esigenze di riduzione degli alunni per classe e alle misure organizzative atte a garantire il rientro a Scuola in sicurezza a partire dal prossimo 14 settembre.

La proposta avanzata dal Ministero é quella di distribuire le risorse agli Uffici Scolastici Regionali secondo i seguenti criteri:

-il 50% dei posti sulla base del numero degli alunni presenti al sistema informativo;

-il rimanente 50% in base alle richieste avanzate dagli Uffici Scolastici Regionali.

Con particolare evidenza tra gli aspetti controversi e negativi delle indicazioni ministeriali, segnaliamo la previsione che i contratti a tempo determinato che saranno stipulati per la dotazione aggiuntiva  risolti anticipatamente in caso di sospensione delle attività didattiche.

Come CISL SCUOLA abbiamo espresso la nostra contrarietà nei confronti di questa ulteriore inaccettabile precarizzazione del rapporto di lavoro e per  gli effetti che tali incomprensibili risoluzioni contrattuali avranno sulla attività didattica delle classi in corso d’anno.

A questo proposito abbiamo chiesto con forza che al Ministero che, in occasione dei prossimi provvedimenti legislativi, intervenga per eliminare tali illegittime criticità.

Durante i lavori dell’incontro abbiamo inoltre espresso forte preoccupazione  per quanto riguarda gli attuali limiti previsti dalla normativa che impediscono le sostituzioni sin dal primo giorno e che a nostro avviso vanno con urgenza rimossi, in quanto sarà necessario per rispettare le misure di prevenzione, contare con certezza sulla possibilità di nomina immediata dei supplenti necessari in occasione di assenza dei titolari.

A conclusione dell’incontro abbiamo altresì richiesto di conoscere su quali ulteriori risorse gli Istituti Scolastici  potranno contare per garantire la ripartenza dell’anno scolastico; alla richiesta il Ministero ha risposto che al momento non sono ancora disponibili gli esiti di un monitoraggio completo delle risorse richieste dalle scuole.