Organico ATA: salta il rinvio dei tagli!

Categorie: , , | 14-07-2015

Si é da poco concluso  il confronto tra Amministrazione e Organizzazioni Sindacali in merito alla definizione degli organici di diritto del personale ATA, tenutosi oggi presso il MIUR  con l’obiettivo  di evitare il taglio di 2020 posti ATA previsto dalla Legge di Stabilità.

Durante l’incontro in rappresentanza del Ministero,  è intervenuto il Sottosegretario Faraone , che  seppur consapevole delle difficoltà e disagi che il taglio produrrà nelle scuole, sia per l’avvio dell’anno scolastico che per la gestione ordinaria dei servizi organizzativi ed amministrativi, ha informato le OO.SS dell’impossibilità di evitare la riduzione  dell’organico di diritto del personale ATA per l’a.s. 2015/2016, garantendo  il ripristino dei posti tagliati nelle successive operazioni di adeguamento delle risorse umane nell’ambito Organico di Fatto.

A tali posti recuperati verranno aggiunti, in accoglimento della richiesta esplicitamente avanzata dalla CISL SCUOLA , ulteriori 5000 posti  già funzionanti nell’organico di fatto nel 2014/2015.

La CISL SCUOLA  unitamente alle altre Organizzazioni sindacali presenti,  ha evidenziato e  denunciato l’inadeguatezza della soluzione proposta,  perché parziale ed insufficiente e soprattutto fortemente penalizzante per collaboratori scolastici e assistenti amministrativi che si troveranno costretti, in quanto perdenti posto, a dover cambiare scuola di titolarità.

Ancora una volta emerge la miopia della politica Ministeriale  e del Governo che negando l’evidente consistenza dei numeri di taglio al personale,  rispetto ai quali  cui individuare una concreta soluzione, preferisce scaricarne  gli effetti delle negative conseguenze direttamente sul funzionamento reale e quotidiano delle Scuole, che ne esce così fortemente pregiudicato in termini quantitativi e qualitativi.

Come CISL SCUOLA  ci riserviamo inoltre di impugnare il Decreto contenente i tagli che il MIUR  emanerà a breve, in quanto ad oggi non risulta essere stato emanato l’apposito regolamento con le nuove tabelle, previsto dalla Legge di Stabilità,  tale da dare applicazione alle riduzioni del personale ATA.